Skip to main content

Full text of "La Lena : comedia"

See other formats







The Ahmanson-Murphy 
Early Italian Printing Collecti 




acquired with 6mds donated by 

The Ahmanson Foundation 

Ù" Franklb D. Murphy 

UCLA Library 



?cft 



f 2 °» 



A~u 



LA LENA-CO 

MEDIA DI MESSI IH 



LODOVICO ARIOSTO. 




~~i 



■W VaacraM 



M D XXX VII. 



PERSONE 



CORROLO FAMIGLIO DI FLAVIO* 

FLAVIO PADRONE GIOVANE* 

LENA RVFFIANA. 

FATIO VECCHIO. 

HILARIO PADRE DI FATIO* 

PACIFICO MARITO DI LENA* 

CREMONINO FAMIGLIO* 

IVLIANO* 

TORBIDO PERTICATORE* 

GEMIGNANO* 

BARTOLO* 

MAGAGNINO SBIRRO* 

SPAGNOLO SBIRRO* 

MENICA MASSARA DI FATIO* 

STAFFIERI DVI* 

MEGNINO FAMIGLIO DI FATIO 



PROLOGO, 

ECCO la Lena,che vuol far fi-ettccolo 
A tutt'il mondo ilfcjtecorifiierd; 

Che s'altri volte piacque .contentar foie 
Dourebbe,ne fi por hora,a,penco\o 
Vi non pitie erm. eh' el parer de gl'buommi 
lAohe volte ji mutaci medejvno, 
Cbc» la mattina fiction è da venero, 
E t s y ancho ella non piacque, che più gioitane 
Era allhor'cr piufrefca,men dourebbem 
Wora piacer, ma la [ciocca s'imagjna 
D'ejfcr più bella hor,che s'hafr.tta mettere 
La coda drietojty parie, che venendola 
Con quella inanti,habbia d'hauer piugratia, 
Cta non hebbe altre volte, che lafciouifi 
Veder ftnz?effa,in vejle tonda,e,in habito 
Va quflo,c'hoggi s'ufa affai dirimile 
Et che volete voi,la Lena efimile 
AyValtre Donne, che tutte vorrebbono 
Sentirfi drieto la coda,®* dif^re^Tano 
Come fiati terrazzane, vili, e, ignobili 
Quelle, c'bauerla di drieto non vogliono 
O per dir meglio, c'hauer non la pofjbno 
Verche neffunafofia ricca jófuipouera 
Che la poffa por,mega di porfila, 
La Lena mfimma ha la coda,& perfiruila 
Veder, adejjb,adejjb vfeira in pubhco, 
Va voi Donne f:cura,che lodarglda 
Debbiate,^ ficura anchor da,i,Piouani 
A i quali fi che le code non fj iaceno, 
A*;/ lor aggradirono,?? le accettano 

A « 



PROLOGO 

"Perfidia huona,ty da perfine nobili, 

Ma da alcuni fiueri,^ rencrefieuolì 

Vecchi fi teme, the fimpr e difì recano 

Tinte le figgi? moderne,?? jet laudano 

Qi<elle,che a tempo antico fi ficeuano, 

Ben fino anchora de vecchi piacevoli 

Uqual non hanno le code àjhftidio 

Et han piacer de le co fi, che stufano, 

Ver piacer dunque a quejli, e, agl'altri^ 'amano 

Lefiggie nuoue vien la Lena afiruifi 

Veder con lafua coda,quelli rigidi 

Del tempo antico faran ben leuandofi 

Dar luogo a quefii,che lafijìa vogliono. 



D EL L A LEN A D I MESSER 

LODOVICO ARIOSTO. 

ATTO PRIMO. 

SCENA I. 

Corbolo, & flauto* 
Lauio:fe la dimmanda e pero lecita* 
f Dimmi oh? vai fi per tempo, che fuomno 
Tur bora i maturimene debb'efcre 
Sen^acagionjhe ti [ti con talfìudio 
Veflito,& ben ornato, zr come bojfdo 
Difterie tutto tiftnto odorijìro 
PL A* lo uo q<ti,doue il mio Èttpor grtòjfftm 
A^or mi mer.afh pafeer i famelici 
Occhi d'una belle?? a 'incomparabile* 
COR*E che bellezza vuoi tu in qu$e tenebre 
Veder: fé fìrfe veder non defideri 
La flella amata da Martin d'Amelia, 
Ma ne quell'ambo di leuàrfi è [eliti 
Co/i per fcwpo.FL A.Nf cotejìa Corbolo 
Nf ftella altra del del, ne il fole proprio 
Luce quant'i bell'occhi di Licinia* 
CORWe gì' oc chi de la gotta,* quejìo aggiungere 
Doueu 9 anchora,che[ri(i piufimile 
Comparato*., che firn occhi, che lucono* 
FL A* 1/ mal'anr.o,cbe Dio te dia,che compari 

Gl'occhi d'arimalbrutto,h lumi angelici* 
COR.G/' 'occhi di Coch ; otin più conjhrrebonji 
Di Sabbadino ) Mariare ; &- [muli, 
Quando di Rorga dell' imbriabi efeono* 

A iij 



ATTO 

FLA* De va i mal b0ra.COR.An7j i buo bora afiederrni 
NV / letto & afirnirui vn fuauiffimo 
Sono,che tu m'hai rotto,FLA.Hor vie $,& odimi, 
Et pon da lato quelle Sciocche argutie, 
Corbol,cbe fmpre hébia hauuta grandijfma 
Eede in te,nefti potuto accorgere 
A molte fegn^ma maggior inditio 
, Ch'io te n'babbio anchor dato fon per dartene 
Hcra,volendo farti confatole 
D'un mio fureto de tal importante 
Che la robba vorrei ,1'honor^ l'Anima 
Verder prima } ch' udir .che fuffe publtco, 
Et perche credo hauer de la tua opera 
Bifogno in queflo te vofhr intendere, 
Ch\a } patto ignun non te ne vo richiedere, 
Se prima di tacerlo non me t'obligu 

COR ♦'Non accade yfar meco queflo prologo, 
Che tu fii ben per qualche efyerien^a, 
Ch'ouefia de bifogno fefiar tacito, 

FLA> Hor odi,lofo chefaijln^ach'io'l replichi, 
Ch'amo Licinia figliuola di Eatio 
Nojlro vicino,® 1 che da lei rendutomi 
E,il cambio ,che più volte teftimonio 
Alle parolejajyfcffirijfle lagrime 
Sei flato, quando habbiamo battuto commodo 
Di parlar ci. jìand'ella,a quella picciola 
Eeref\ra ? <& io ne la via,ne mancatoci 
E,maife non il luogo,a.dar rimedio 
A noflri affanni ilquale ella moftratomi 
Hafnalmente,chefiir amicitia 



PRIMO, 

M'ha fatto con la moglie di Pacifico 
La Lena ,quejla, che qui,a,latogl'habìta, 
Che gl'ha infognato da fanciulla,* Jeggere, 
Et t a,cufcire t ^rj(guhainfignardole 
Ear trapunti,®* ricami^ cofifimili, 
E tutti di Liciniafa che frottola 
Ventiquattrohore ìfaco,fi che frale 
Mente,e,ftn^a alcun poffa aduerfene 
La Lena mi potrà por con la giovane, 
Et lo vuol fare,& dirci hoggi principi» 
Intende,?? perche li wic.n vedendomi 
Entrar, potriano alchun Jcfyetto prendere, 
Vuoile n'entri $<flDtt? t COR«E conueneuole* 

FLA* Verra 3 a,fuo acconcio,& tornerà lagiouane 
Come andarui,e f Itamar a t e,fo\ita, 
Ma non me ne fin hoggi io più per mouere 
lrfmo } a,notie,quefla notte tacita* 
Mente vfcironve.COR - Con qual modo volgere 
Hai potuto la moiAie di Pacifico 
Che R offana tifa de la dfipula. 

FLA» Vifpofia l'ho con quelmetfo medeftm* 
Con che più falde menti fi d-fy ongono 
A dar le rocch'Je attagli esèrciti 
E tal'hor le perfine de lor principi, 
Con denari .del qual mnfojl p:u facile 
Non fi potrebbe tr ouar, ho proni? ff gli 
Vefttic nep fiorini ,& arrecarglieli 
hora n:ecodoueu,perche riceverli 
Anch'io ere dea da luho che promeffwà 
Vhauea dir heri t & m'ha tenuto ì l'ultimo 

A iiii 



ATTO 

Bìerfera poi ben tardi me fé intendere, 
Che non megli dau* egli, ma fruirmene 
facea da vn fuofen^a pagarglien ytile 
Ver quattro meft,ma y olendo darmeli 
Qiiel fuoYoleud il pegno, ilqual fi Cubito 
Non f pendo io truoitar&gia hauend' 'ordine 
Di venir qui non ho voluto romperlo. 
Lt fon venuto ar.chor,ch'io [ita con animo 
Molto dubbiojòjt mi vorrà credere 
La Lena pur mi porcaro dicendole, 
Com'itafia là cofit,cheftia tacita 
¥in,a } diman.CORAe ti cede. fa vn 9 opera 
Santcxhe tu l'inganni porca,che ardere 
La poj]a il p.ioco,non haconftientia 
De chi fi fida in lei la figlia vendere 
FL A* Et che fai tu che gran ragion non habbia. 
Accio tu intenda, quefto uecchio m\fer% 
Gl'ha voluto già bene/l defiderio 
Suo/notte volte n'ha hauuto.CORMracolo 
Cl'èfirfe il primo.? L A, Ben credo patendolo 
Il marito/) fingendo non accorgerfi, 
Impero che.piu,& più volte Yatio 
Gl'ht vromejfo pagar tutti ,i,fuoi debiti, 
Verche'l mejchin non ardijce di mettere 
Vie fior di cafa,a:cio. t che non lo faccino 
Gli creditori fuoi marcire in carcere, 
Yt quando attender dtbbe,niega il perfido 
D'hauer prom?Jfo,& dice dourebbe ejferm 
A fai d'hauer la cafa& non pagarmene 
ViPion alcuna,come mila meriti 



PRIMO,' 
Ella de l'infegnar,cbe fa,a,Licinia* 

COR*Veramentejefin qui nulla merita 
Meritarci ne Vauenir volendoli 
Infegnar vn lauoro il più piacetele, 
Che far fi poffa di menar le calcele, 
Et batter fijfe,eli'ha ragion da -vendere* 

FL A* Habbia torto ,o ragion ch'hc da curamene 
Voi che mi fa piacer gl'ho d'hauer obhgo f 
Hor quel,che da te voglo,e,che me comperì 
Eino,a,tre paia.o,di quaglie ,o,di tortore, 
Et quando boiler tu non ne poffi, pigliami 
Dui paia di pi7,7oni,^ fagli cuocere 
Aroflo,& fammi vn capon graffo mettere 
Leffa^r l'arrecca ad bora conueneuole, 
Et con buon panej& meglior vino,?? fiate 
A,cor c'babbian da bere m abondantia, 
Quefl'è vnfiorino, te, non mene rendere 
Vane ;o in drieto.COR*ll ricordo è fuperfluo* 

FLA* Io vofarfegno a la Lena.COR.Si faglilo 
ìAafu ldfaccia,che per D/o Io merita. 

FL A» Vercbefe mi fa bene ho io da offenderla 

COR»II forte ellafuonar com'un bel cembalo 
Vi venticinque fiorini, tu nomini 
Bene y ma dimmi, oue fi r a pigliandoli 
Tk imprfifio,po: prouigion da renderli* 

FLA* Ho qua:tro me fi da penfrui tentine, 

Che fai, eh e pofa in quejlo mei^o nafeere, 
Non potrebbe morir ffimajche fò tyno 
Li tre,mio Padre.CO&S.ma po'ria viuere 
Anchor,fc \iHe,come è più credibile, 



ATTO 

Che modo harrai da pagar quefìo debito* 
FLA* Non verrai tufcmpre,a prefiarmi vn' opera 
Che gli vorrò far vnjìocco.COR.Te n'offero 
Viudi dieceJLA*Mafento,ehe l'ufcio arreno. 
COR»E tu aprir loro il borfd apparecchiati. 
SCE* Ih 
Viario, Lena, Corbolo. 
FLA* Buon di Lena*LE*Sana più proprio 

Dir buona notte } oh molto jafclleàto* 
COR+Rijjalutar ben lo doueui,® effirli 

Vnt cortefe*LE*Con buoni effetti vogliolo 
Risalutar, non con parole inutili* 
FLA* So ben,che'l mio buon difla ne'l tuo arbitrio* 
LE. E'/ mio nel tuo* COR, Anch'io el mio nel tuo mettere 
Vorrei.LE.O che guadagno ,d:mtm Elauio 
Hai tu quellaJncenda*GQR*Ben poi credere 
Che non [aria venuto non battendola, 
Tifi dir, che l y ha bella,®- ben in ordine* 
LE. Non /; dico di quella,ma dimandogli 

S'egli arrecca denaruVLA*Credea arrecarteli 
Ver certo.LE*Tucredeui } md principio 
Cotejlo.ELA.Ch'un am co mio feritimene 
fin hieri douea } & poi mi fece intendere 
Hier fera } ch' era pia notte,cbe darmeli 
farebbe boegi,o dimanfen^a alcun dubio. 
Mafia (òpra di me,doman non fieno 
Vint'hore,cbe l'barrahLE.Diman hauendoli 
farojhe l'altro di a quefia medefima 
Horajntrarai qua drentojn tanto rendite 
Certo diflar dtjuor'ulLAXena reputo 



PRIMO» 
VhduerliXF^Vur parole Flauio/eputa 
Ch'io non feti fetida denari per crederti* 

FLA* Ti do la fide miaX^Sdria mal cambio 
Tor per denari la fide ,qud fendere 
Non fi puo,gr quefii ch'j datij rifeuoteno 
Fra le trijle monete la bandifcono* 

COR.Ttf cianci LenafuLEJNon ciancio dxoli 

Ve'l meghor fermo ch'io m'habbia*COR,Vo ejfere 
Che ejfendo beila tu nonfii piacevole 
Andbora.LEtO beliamo bruttaci danno & l'utile 
E t mio y nonfaro al men fiiocca t che yolgere 
Mi lajfi d cidicieJiLAMe fiattjlimonio 
Vio*LE*'Tellimonio non yo,ch'a lo efamine 
Io non poffo condure ,COR*Si poco credito 
Habbiamo teco noi.Lr^onfiiam qui a perdere 
1empo t ch'iogli conchiudo ,ch % 'egli a mettere 
Non ha qua dentro il piede, ft non yengono 
"Prima quefii denari,?? l'ufciogl'aprtno. 

FLA* Tuterni,ch'io te la freghuCORSi fregala 
Vadron } che poi tiferà più piaceuole. 

LE* Io non ho fcefuCOR.Vn randello difraffm 
Di due braccia ti freghi le fi alle afina* 

LE* Io voglio dico denari, <&■ non frottole, 
Sa ben che'l patto è cofi,ne dolerfene 
P«o,FLA,Tk di il yer Lena,ma pò ejfere, 
Che fi fi cruda t che mi yogh efcludere 
Di cafa tua.LE.Vo effer ,che fi femplice 
M'aflimi llauio^h'io ti debba credere, 
Ch'in tanti di,chefiamo in quefld pratica 
Tv non haveffi trovati yolerÀoli 



ATTO 

Venticinque fiorini, mai non mancano 
Vendagli far tuoi fi non ne yogliono 
Vreflar gl y amici, a,lifenfali volgeti, 
Che femore hanno tre man cento yfurarq 
Coteflaveftedi velluto fogliati 
liettati la berrettai s a, l'bebreo mandali, 
Che ben de V altre robbe hai da rimmettertu 
FLA* facciam Lena co fi figlia indepoftto 
Ein,a,diman quefla robba,<& impegnala, 
Se primi, che dmanvenfbore fuonino 
Non ti dogli denari,grfi arrecarteli 
Ver cofluuLE*Tu pur tefpoglia,& mandala 
Ad impegnar tufleffo^LAMi delibero 
Vi compiacerti ,<& di farti conoscere, 
Chegabar non ti voglio,piglia Corbolo 
Quefla beretta,<& quefla robba,aiutemi 
Ch'ella non vada in terra*COR*Che voi trattela* 

TLA* La uo,a,ogni modofcdiffar,che Dianolo 

fia+CORMorvadantuttisJiecchatyejmpicchìnfi,, 
Che nejun ben corno la Lena fonica* 

FLA* Vogliose fra le quindeci,zr le fidici 
Hore da parte mia tu vadi } a,lulio, 
Ti che lo preghi ,cbe mi treuiftèito, 
Chifopra quefli miei fórni m'accommodi 
Vegli denari, che fai, che blfognano r 
Et fé ti defft vna lunga,riuolgeti 
Al banco defcbbioni,& quiui impegnali 
Venticinqs fiorini,?? come hauutoli 
Rabbi da vn ìuogo,o, da un*akro,qui arreccali* 

COR*E,tttJlarai fogliato \ELA>Che più, portami 



SECONDO 

Vrt capin,vnfaion di panno.L&SpacciaU 
Ch'anchorjh'egli entri qui non ha da credere, 
Ch'io voglia,che di qua paffi lagiouane, 
Vrima,chegli contanti non mi annotterà. 
FL A» Intraro dunque in cafà*LF*Si ben entrati, 
Ma con la condition,ch'io testifico* 

se e. uh 

Corbolo Solo* 

CCR*Vota,cbe quafifonper attaccarcene, 
Ho ben hauute,a,mie di mille pratiche 
Dì Ruffiana bagafcie,zr cotalfimine, 
Che di guadagni dfhonejli yiuono, 
Ma non ne vidi t a,cojlei mai la ftmile 
Confi poca vergogna, e, che tanto aiuda 
Mente fhceffe il fuo ribaldo offitio, 
Ma fi fagiorno,per certo non erano 
Li matutini quelli, che fuonauano,* 
Fjpr douea l'Aue Maria ,la predica, 
O forfè, irretì hierfera troppo haueano 
Beuuto,& quefla mattina erant oculi 
Forum granati, credo ch'ancho lulio 
Non potrò hauer,che la mattinale [olito 
Di dormir fino, a,quindeci hore,o,fedecì, 
In quefìo me-^ojara buono andarmene 
Fin in piazza, a,veder fé quaglie ,o, tortore 
Vi poffo ritroHar,& ch'io le comperi* 

ATTO SECONDO, SCE* h 
Fatio vecchio, &Lena. 
?A* Chi non ft lieua per tempo, & non opera 
1-* mattina le cofache gì' importano 



Atto 

Verini giorno,e,i,fuoifattinonfuccedom 
Voi troppo benMengin vo,ch'a Dugentela 
"Tu vadi.<*r ch'ai Caflaldojaci intendere, 
Che quefla jera le carrafe carchino, 
Et, che diman le legnefi conduchino, 
Et nonfia fallo,ch'io non ho più ch'ardere 
He ti patir, che vi yeghi buon ordine 
E dir mifippi } comelkn le pecore, 
Et quanti agnelli mafchi,& quante fimine 
Son nati,& fii,chelififfi ti monftrino 
C'hanno cauati,& che cunto ti rendano 
Vi,legni\erdi, c'hanno me f s'iti opera, 
Et quel,chefòur > auan-z s afa ch'annoueri 
Hor ya non perder tempo,odi s'haueffino 
Vn'Agnel buono ,eh non,fia meglio venderlo, 
V'ha pur troppo,LE*Si fi era vn miracolo, 
Che diuentato voifijlijì prodigo. 

FA* Buon di Lena.'LE.Buon di e'I buon anno Mio* 

FA* Te lieuifi per tempo,che difordme 

ìì,queJlo tuo.LESaria ben conueneuole. 
Che poi, che voi mi veftiteft nobile* 
Mente,& dayoi lefpefc ho fi magnifiche 
Che fin a nona io dormi fji a mo commodo, 
h'I difenda far nulla iojìejfi in otio • 

FA* Fo quel, ch'io pojfc Lena 3 maggior rendite 
Che le mie à farci cotejlofarebbono 
Ve bifcgnOjpurficondo che fifìendono 
Le miejir^emiftudio difart'utile* 

LE* Ch'utilmifxtevou'EA'OJiejl'è'ltuofilito 
Difèmpre mai [cordarti j.benefit'y, 



SECONDO 

Sol mentre ,ch' io ti do me ne rengratij, 
Tojìo c'hodato contrario fr.t fubito 
LE Che mi defii voi maufòrjc riflettere 
Volete,ch'ioflo quijtr^a fontine 
Pigione. £ A. 7/ par poco,Jcn pur dodeci 
Vre ogn'anno coteftejcn^il commodo, 
Chat d'effcrmi yiana,mj tacermene^ 
Voglio per non parer di rinfacciartelo* 
LE. Che rinfcccar,che tal'hor u'audn^ano 
Hmeftre,o broda {liete mandarmene* 
PA» Anch' altro Lena.Ll.forfe yna,o due coppie 
Di pane il mefe,o yn poco de vm putrido, 
O di lafciarmi torre yn legno picciolo, 
Quando cofli le carrafe ne [(arcano. 
FA» Hai ben anch'akro.LE.Ch 1 'altro ho io deh diteh 
Cotte dirafCfh di yelluto.¥a.Lec:to 
Konfarria a te portarle ,ne poj] bile 
A me di darle.Ll.V va fiuamcflr atemi, 
Che mi dejìe voi mai*¥A*Non vo rivenderti* 
Vt* Qualche par difcarpcxc'.ejo di pantofole 
Voi, che l'bauetebenjj ellate,è logore 
Mi date alcuna yolta per Pacifico. 
f A. Et nuoue ancho per te-LE. Non credo fia-o 
In quattr'anni tre paia,hor nulla yagl ono 
Le yirtuti,cheinj€gr t o,& che continua* 
Mente ho rfignate a y ofìr a figliai a *V aziono 
Affa!, negar to*l yogho.Ll.Cb' s principio, 
Ch'io vermi hab tar qui nonfapea leggere 
Nella Tauola,l Pater pur a compito, 
N* tener i'A^o.FA.E v*ro.LE«N* pur yoìgert 



ATTO 

Vnfùfc > & horfi ben dice l'offitio, 
Si ben cufiie,?? ricamma quanto gioitane, 
Chefia in ferrar a,ne, è f fi difficile 
Vunto,ch'ella no'l tolga da leffempio. 
f<U Te confijf ch'eX yero non yogl'ejfere 
Simile, a,te, eh' io niegbi d'hauert'obhgo 
Dou'io l'bo,pur nonftaro di rifonderti, 
Se tu infognato non l'hauejfi,haurebbeli 
Alch'un'altra infognato eontentandofi 
Vi dieci lulij l' ÀnnOjdifferentia 
Mi par purgranda da tre lire a dodecu 
LE* Non ho fatt' altro mai per voi,ch'io meriti 
Noue lire de più, in nome de'l Diauolo, 
Chef dodec: yolte l'anno } dodeci 
Voi me ne defìi, non fan ebbe premio 
Sujficiente,a compenfar l'infamia, 
Che yoi mi date, eh' Ricini dicono 
Vublicamente,ch'iofon yoflra Yemina, 
Che yenir poffa il morbQ,a } lAaforo LiT^aro, 
Che m'areceo 3 a,le man quejla ca fu pula, 
Ha non mi yoglioflar più dentro. datila, 
Ad altrui A.Guardia quel che tu di.LE+Datild 
Non yo,chefompre me me fi rimproueri, 
Ch'io non vi paghi le p'gioni,?? habiti 
In cafa yqflra,s'io douejje tormene 
Di drieto al paradifo yna,o,nelgambaro 
Non yoflar quL?a*?enfaui ben.& parla 
LE* Io c'ho penfito quel,ch'io yoglio,datila 
A chi vi pare + FA Jo la truouo da yendere, 
Et yenderollaXE*quel,ehe vi par fatine, 

Vedetela 



SECONDO. 

Vendeté\a,dQnatela,ty ardetela, 
Anch'io procaccerò trouar ricapito, 

FA. Quanto piufò carene ,& p:u m'humilio 
A e ofleijanto più fuperba,&- rigida 
M/ fi fa,?? fojfc dir di tutto perdere 
Ciò ch'io le donOyCofi pocagratia 
Me n'ha,yorria potermi fucchiar l'Anima, 

LE. Quafi,chefin^a lui non potrò yiuere, 

FA. E vrr -amente, oltre, che non mi paghino 
La pigion de la cafa,piu de dodeci 
Altre lire ell y e'I manto mi cofìano 
Uanno.LE.Vio grafia io fon anchofigiouane, 
Ch'io mi pojjò aiutare^aSpero d'abbatere 
Tanta fuperbiatlo non voglogia yendere 
"La cafa,mafi ben farglielo credere, 

LE. Non fo ne guer\a,ne jcianchata.¥ A.vogliocì 
Condure,o,hiagiuolo,o quel da l'Abbaco 
A' mifurarla,& terrò infua preftntia 
Variamento de'l pre^>o,^r fiprofingermi 
Vn comprator,non han denar,ne credito 
Ver trouarn' alchun' altra,fi morebbono 
Vi fame akroue,yo con tanti jlimuli 
Da tanti canti punger quefla beflia, 
Che porli elfieno,e'lbajlo mi delibero. 
S C E. IL 

Lena Sola* 
LE* Vorrebbe il dolce fin^a amaritudine* 
Amorbarmi co' l fiato fuofpiaceuele, 
Etflratiarmi come yna beli' A fina, 
Vagarmi poi d'un gran merce ,o ,che gioitane, 
lena. B 



À"T T O 

0,ehegalante } <i,cM daffcn^a premio 
Debba piacer, ma fa ben \na femim 
Va poco,ch\t,fue dande laffai volo ermi 9 
E 3 a,fue promeffe,mafi< et longojìimulo 
Vi quefi'huomo da niente de Pacìfico, 
Che non ceffona mai, moglie compiacilo 
Sara la noflra vmwafopendoti 
Qouernar fece ,tUtti,i,noftri debiti 
Li pagbera,chi non l'harria, a principio 
Creduto, maria in monte (come dicono 
Queftijcolari)promettea .poi datoci 
Ha vn laccio,cbe l'impichi come merito, 
Voi e)? atener non ha voluto ¥acio 
Quel,che per tante fue promeffe,e, debito, 
farro come ,i,fanegli, ch'il Qlario 
Non ponn'bauer } cbe compadroni auaniano, 
Che Ingannalo, rubbav.o,a\]a fjmano, 
Anch'io d'ejjer pagata mi delibero 
Per ogni viafia lecita,o,non lecita, 
ìse Vio,ne'l mondo me ne può riprendere, 
S'egli baueffe mogl.erjutt'il mioftudio 
Sarna di farlo jzr, quel ,che Pacifico 
B,da luijhtto,ma ciò non potendoft, 
Perche non l'ha,con la figliuola vogliolo 
Var ejjcr quell'io nonfeio come io nomini. 
SCE. Ili- 

Cogolo >e, Lena, 
CORMnbuom vai cento,® cento vnbuo*n non vagliono, 
Queft 9 e,vn prouerbio, ch'in efierientia 
Qitejia matto* ho hauutoX'E.Varmi Obolo 



5 E C ONDO 

Clv ài la\:ene;e } d'eJfc.COR.Che patendomi 
De qui. per far quanto m'impofe Ulauio 
Vom piaz?a>& tutta la f quadro e poi.volgomi 
Lungo la loggia. & cerco per le tr eccole, 
Ina innanzi el cafxel.e ficicagnolo 
Vo dimandando s'harvno maglie ,0 fortore, 
LE* Vieri molto adagio, par eh', ìyfajjì annoueri 
COR.NwIld ne truouo echimi pi^on yeggcui 
Si magri. fi leggieri, che frenano, 
Che la quartana v>i anno hauut'haueffino, 
LE* Pur ch'egli habbui,i,3enar -COR >\ 'r.'altro toltoli 
Uarria & detto frafefe non ve n'erano 
De meglion,che ho,a.far che magri fieno, 
Ogr affi. poi 3 che non s'han per me.a,cuocere y 
LE» Vien co'l braccio fmifiro molto carico, 
COR.Ma non hojr.ttoio cofi,chegl'ojjitii 
New le diferetiom dar fi dicono 
An%i,a,la porta del cortil fermandomi 
Guardo Jc comandinolo altri appaiono, 
Che de meghori n'habbian,qw.ui incirculo 
Alchuni occellator del Duca franano, 
Credo affettando quefli gentil'huomeni 
Clv din aruieri&.cam j: dettano, 
Ch\a,bere mgorgadello li chiamaffero, 
Mi dice vn d'efji } ch' y e,mio amico,Corbolo 
Che guardi Jo gli lo dicQ,e,infiemedoìgomi 
Che mai per alchun tempo non fi trottano 
Sduddigine qui,come fi vendono 
In tutte l'altre cittadi, e. penuria 
Vi fia d'ogni buon cibo x ne fi mangiano 

B ij 



ATTO 

Se non comachie ,che mai non fi cuocono, 

Et perche non fon care, fi concordano 

Tutti al mio detto.LEJo vo alenarlo, e, intender e 

Q}<el,ch'egli hafiitto.CORJo mi parto,mi figuita 

Vn d'effi,e,al canto ouejìannogl'oreffìci 

Mi s'acofla e, pian pian pian dice giacendoti 

Vnpaio di frgian graffi per quindeci 

Bolognini gl'harr a fi fi di gratta 

Ridondo,®* egli in vefcouato omettami, 

Ma non cantar, & io,non,e,la [tatua 

Ve'l Duca Borfo la di me più tacita, 

In quefto me^7o vn capon graffo compero, 

Ch'haueo adocchiato,!? tolgo Jet meli' angoli 

Et entro in vefcouato, & ecco giungere 

V amico co, i,fagian fiotto, che pefano- 

Quanto vn par d'oche, io metto mano t <& quindeci 

Bolognini fu,l' altarini gì' annouero, 

Mifoggiong'eglifi tene btfcgnano] 

Quattro,fei,fette,diece paia accennami 

Tur che tra noijìia la cofa,rengratiolo, 

LE* Var,che molto fra fé parle,e,fnntafliche 

CORXygli prometto la mia fide d'ejfere 
Secretto ma mi vien vog di ridere, 
Cfc 5 'e'ifignor facon tanta ^lìgentia, 
Et congride, e ,con pene fi terribili 
Guardar lafua campagna,?? li medefimi, 
Che n'hanno cura fon quei,che la rubbano, 

L£* Spiccatile f^icata te jìa l'Anima, 

COR*Non ponno,a,notf,&,d corniti publici 
li foggiani apparir fopra le tauole 



SECONDO» 

Ver le gride, che fonno, e, ne le camera 

Con puttane ,i, bertoni fé li mangiano, 

Quefli aroj\o,ilcapon ho fatto mettere 

Leffo,w qui ne'lcanefìro caldi art -eccoli 

Ecco la lena.LE.Hai tu i denari Gorbolo 
CORJo gl'hauero.LE.Non mi piace vdir rifondere 

In juturo.COR.Contraria^J.' altre fonine 

Sei tu,cbe tutte V altre ilfutur amano, 
LE* ¥iaceno,a,me,i, prefinti .COR&co prefintoti ♦ 

Capon foggiani jpan^inyCafiiojportali 

In cafa 3 parmi,cbefariafuperfluo 

Hauer portati piccioni, vedendoti 

Hauerne infeno cfH/groJJi belliffmi, 
LE* Deb ti vengnil mal anno.COR.Vafcia pormiui 

La man,ch'io tocchi corno forno morbidi, 
LE* Io ti darò d'un pugno, i,demr dicoti, 
CORfinalmente o^nifalmo torna in gloria t 

Tu non te'l fiordi fra mei^hora arreccoli, 

10 ritrouai,cb'in letto anch'era Tulio, 
Qlifici l'ambafiiata,& egli mettere 
Mi fi gli panni s'una caf]a,£r diffami, 
Ch'io ritornajfe,a,nona,in tanto cuocere 

11 definar ho fatto, & pofto in ordine 
M<* lefhtiche mie Lena che premio 
Hanno ad hauer, eh' io fon cagion potiff.ma 
Ch',i,venticin$fiorin te fi diano, 

LE. che voi tu.COR.Ch'io te'l dica, quel che dandomi > 

Et fi ne deffi,a cento non poi perdere, 
J-E» Io non ? intendo.COR.il diro rhiaro.LE. portami 

l denar, ch'io nonfeiofin^'effi intendere, 



A T t a 

COiMofl 3un<p,i,denar bum,*, far intendere, 

L E* Mai fae } credon ancho non men tutti gl'huomeni, 

COR.Sarria Lena cotejlo buon rimedio 

Afir ch'udiffe vnfirdo.LErDifferentìa 
Molta ,e,babbion tra l y udire } e. l'intendere, 

CORJa ch'anch'iofipp : a quefìa differentia, 

LE* Gl'afra raggiar s'odon'aja macina, 

Ne s'intendo}! perho+COR.A me par facile 
Sempre ,chio gì' odo intenderli yorrebb ono 
A,punto quel ch'anch'io da te defidero, 

LE* Tu fai malitiofo più ch'e'lfiflolo, 

Hor,che l'arofìo,e,inflagion andiamone 
A,mangiar.COR.Vengo,dimmi ou'è lagiouane, 

LE» Otte fino, i denaruCOR.Credo farteli 

Hauerfra yn'hora.LE.Et io credo lagiouane 
¥ar yenir qui com'i dettar ci ftano 
Artdiam y che le viuandejì raffeddano* 

COR* Va la.ch'io yengo.pofjan effcre l'ultime, 
Che tu mangi mai piu } ch'elle t'affogino, 
lo mi debb'effcr donque con taljludio 
Affaticato, a, comperarle, e ,a,cuocere 
Perch > unafiroffa,e yn becco [de mangino, 
Ma non harran la parte. che fi penjàno, 
Ch'anchio me ne vo ilgnffo,?? le man vngere* 
ATTO TERZO* SCE* I* 
Corholo So/o* 

COR*Hor,cfo di duefacende fhtt'ho prò fiera* 
Mente yna,& con fcdisfattion dellanimo, 
Ch'e'l capone./, i faggini graffi ,e, teneri 
Son riufcitijil pan buonjl vm ottimo, 



T E R- -Z O 

Non coffa tutta via lodarmi Flauto 
Ver huom,ch'e 3 l fuo danaio fjppia fendere, 
faro anchor V. altra ,ma con quel gaudio, 
Ch'ho fatta quefta,m\e,troif? difficile, 
Ch'io veda^cojiui (fender ,anci perdere 
Venticinque fiorini,® 1 ch'io lo tolen, 
F acil,e,il torfla la fatica al rendere 
Come farà non feio, fi non fa vendita 
D\e ; panni al fin ,ma fé .spanni fi vendono, 
Chelcio t ch 9 a t lur.g'andar noH potrà afeondere 
Al padre, gli rumori ,igr: di ,if repiti 
Sifentiran per tutto,® Sìa, a, per: colo 
. V'ejfi r cacciato di cafjoor l'eflutia 
Ftifcgnaria d'un ferito, quale fingere 
Vedut'ho qualche volta in le commedie, 
Che quefìafemma con f rande,® fallacia 
Sapeffe de'l borfildel vecch.o mungere, 
Vchjc ben io non fon Dauo,nefcfia, 
Se ben non nacqui tra,i,Qeti,ne in Siria, 
Nonho in quejla tefìaccia ar.ch 9 io mahtia, 
ìsonfipro ordir vngium'an ch*io,che teffere, 
Rabbia fi rtuna poiliqual propitia 
Come fi dice ,a, gì' audaci (noi ejfere, 
Ma chefarro,che con vn vecchio credulo 
Non ho da far, che ,a, fuo modo 'lerrentio 
O Plauto fuol Cr emete ^OjSimon fingere 
Ma quant'egli è più cauto, maggior gloria 
Non è la mia s'io lo pglo a la trappola, 
Rieri andò in nane a Sabioncelio .} afcettafi 
Quef\a matmajonuien ch'io mi prepari 

H iiìj 



A T T O 

Di quel eh'bo,a,dir come lo veggiathor eccolo, 
A punto queflo,e,vn tratto di comedta, 
Che nominarlo,®' egli in capo giungere 
Ve lacontrada,e,in vn tempo medefimo, 
Ma non ro/be mi veda prima ,ch'habi la 
Rette tefa,oue ho?gi fiero inuolgerlo, 
SC E* n; 
Uilario Egano Corbolo* 

HIL» Non fi dourebbe alchuna co fa in gratta 
Hauer mai, fi, che potendo ben venderla 
"Non fi vendejfe,fclo eccettuandone 
Le moglie, LG* E,quelle anchor (fé {òffe lecito 
Verlege&perypnza.HlL. Non ch'in vendita 
Ma,a,barratto ma in don dar fi dourebbono 
EG» Di quelle, che non fan per te intelhgìtur 
HIL* Ita,nòn,e,già vfan^a,chefi vendano, 
Ma darle advfo par /he pur fi tolleri, 
D'un par de buoi per tornar, a,propofito 
Varlo,che trenta ducati,® tutti ongan 
CORtQit^ftj al bifegno noflrofr pplirebbono, 
HIL* Hieri io vendei, a,vn contadm da fendalo 
EG + Ejfer belli douean.HIL ."Potete credere, 
CORJo gli vogliono gl'harro. HIL* Che fon belliffimi 
CORION no^riMlL^elV,a,pofia lor mi piaceno 
Molto più quefli denar*COR*E impoffbile, 
Che non flia fòrte* HIL* Al mennonharro dubio, 
Ch'el iudice,a,lefiffé me gli feortichi, 
EG* Eefli bene,quef\',e la via,poffendoui 

E ar apiacer commandatime* HIL* A Dio Egano* 
CORX<* quaglia,e,fotto la rete, io m correre 



TERZO. 

ln<tny,& frr che ella s'affanni, & prendaci, 
Io non[cio,cbe mifor doue mi volgere, 
Voi,cbe e'I padron non,e,in la terraMlL.O ch'etère 
Po quejìo, COR* Et ch'accadi partii rfe,a,flauio, 
HIL. Quefla fiaqualchecofa diftiaceuole, 
CORMolt'era meglio hauer fmtt'una lettera 

Al padre,e.hauermandato vn meffofubito, 
HIL* Haime occorfafera qualche difgratia, 
COR*Ch'andargli egl'in perfino. HIL* Che puoeffere, 
COR.Megl^ra.ch'egli iflejjo elfrjfe intendere 

Al Duca.HIL. Dio m'aiuti'.COR.Com'Hihrio 
Lofaa,verravolando,a,cafo.HIL.Corbolo t 
COR*Non lo vorrà patir, & forra il Viauolo 
HIL* Corfcolo.COR.Mt che fora anch' egli. HTL.Corboh, 
CORXbi mi chiama,o Vadron.HlL, che e', e, COR. t'ha 
Scotrato.HlL.Ch' \e ,di lui.CO.Nó era dodeci(fl(U 
Uore ch'ufei de lacittaàe.tr diffemi, 
Qheveniua,a,ìrouaruuHlL.Ch'importantia 
C'era.COR.Voi non facete, a,che pencolo 
lEglifiaflato.HlL.Vencolo narrami 
Cbegl',e,accaduto.COR.Po dir padron d'effere 
Vn'altra volta nato,quaft mortolo 
Bann'alcunigiottoni,pur'Diogratia 
Il male .HlL.Ha duntp male.COR. No de pericolot 
HIL* Che pa^y.a,e. fiata lafua di venirfine 

In villa s'egli ha male o grande ,o piccolo, 
COR.L'anlar^, quello mal fuo non pò nuocere 
HIL* Come nontC OR.Non vi dico^nzj più agile 

Gli fia.MIL. Dimmi,e,ftrito, CORSi,e difficile^ 
Mentre potrà guarire, non già cbefmguini 



A T/T O 

La piagaMlL.Roime io fin morto+CO.ma intcdimt, 
Dowé\HIL,D/\COR,Non ne l capo,non negl'homeri 
Non ne>l petto,o ne, ifianchi.HIL.Doue fi acciaia, 
VurhamalCOR.N'ha purtroppo, è rencrefieuóu*. 
Hit* Ejjèr non pò c/jV^/ì nonfliagramjfimo, 
COR*An^i troppo /f£gjfro,HIL*0/> fó mijlratìj, 

Ha ma fi non ha mal,chi ti pio intendere, 
COWel diroMIL.Di in mal ponto. COR* VditeMlL. 
COR^Non emèrito nel corpo+HIL.Ne l'Anima (Seguita 
Vunque.COR.Y? ferito in vnacofi fintile, 
flauto con vna brigata degiouani 
Si trono hierfera a cena.®- a me andandola 
Dijfe,che come cinque hore fuonauano 
Andajfi a torlo enfi lume, ma rendere 
Non ne [ciò la cagion,prima,che fi fiero 
Le quattro fi parti,&fel venendone, 
Et finta lume, come fu a quei portici, 
Che fonti i dir impeto di fin Stephano 
¥u circondato da quattro ,ch*haueano -; )' 

Armi d'afia ch'affai colpi gli tramerò, 
HIL, Et non l'hanno fi rito ,oh che peri colo, 
COR,Com'è piaciuto, à, Dio mai non lo colfiro, 

Ne la perfena.HIL.O Dio te ne rergratio, 
COR.Egli voito loro le fi alle. & meffifi 

Quanto più andar potean'i piedi a correre, 
Vngli trcfie,a,la tffkHLHo.w.COR. Macolfilo 
Ne la medaglia d'or ch'bauea,?? cadelli 
La Beretta+HlL.Eb : perdella*COR*Non,la tolfimo 
Quelli rubaldi.HlL.Et non gli la renderono, 
COR.Rerideron eh.HlLM coftò più de dodeci 



TERZO 

Ducati co } i y pmtal d'oro* che u f erano, 
Lodato Dio/ he peggio notigli fecero. 

COR v Ld robbafra le gambe auilluppandofi, 
Che gli cdea da vn lato fi per metterlo, 
Tre yohe t o quattro in terrari fin Pittandola 
Con ambe due le manofuilluppofene s 

HIL» Infimm'a l'bapcrduta.COR.Vurlacolfeero 
Quei ladroncelli anchoraAUL.U [i la tolfero 
Qiiei ladroncelli non ti par che flauio 
Vhabbia perduta.COR^on credea t che perderò 
Se d.cetfer le cofee 3 ch'altri trouano, 

HII» Oh tujti egrojfec,mi yien con la fòdera 
Ottanta fadi } infcmma non è llauio 
Ffrifo-COR.Nofl ne la per feona.RlL.y Dianolo 
In altra parte jinr lo poteano, 

COR.Nt' la mente y che fi pongranfejlidio* 

Venfando oltr'a'l fuo danno a la moleflia, 
Che voi neftntirete rifeippendolo, 

HIL* Vide chifeffer quei. che l'afJalta\fero, 

COR.Non } che la gran paura,?? l'ofcurijfefia 
Notte non gli ne lafecio alcun conofeere, 

HIL* Por fi pò al libro de l'ufecita.COR.T emone, 

HIL» £rafia t percbe non t'af\ett arguendolo 

Tugir a tor.COR.Vedi pur.HILMa unafwo 
Sei tu perho,che nonfejlifelleato 
Agir per luLCOR.ccteflo è,il yojìro fedito 
Me degl'errori fuoifetmpre riprendere* 
Afiettar mi doueajnon volendomi 
Afyettar ,tor compagnia } che ferebbono 
"lutti con lui venuti dimmandandok* 



1 



ATTO 

""\ ManonfiperdatempOjboraprendetice 
Vadron y ch'e'l mal,e,frefco alchun rimedio* 
HIL. Rimedio,Cbe rimedio pofs'io penderci 
CQR+V ariate di podeflade^a^fecretarij, 
Et [e fard bifogno di Ducd proprio, 
HIL* E che diduol voi t che me ne {paino 
CORXaccian far gride MIL* A ciò ch'oltre la perdita 
Sid il hidfmo anchora,non dirrebbe il populo, 
Che colto folo,?? [enormi l'haueffero, 
Ma ch 9 dffdlito 3 d } pdro } d } pdro f ^r toltogli 
Vi pdtto l y drmi,&gli panni gli fiffero 
Stdti,horfid dnchor,cb*iovddd al Duca fi? contoglì 
Il cdfo chefard,fe non r immettermi 
Al podejlddes', podefldde fubito 
Wharra gV occhiale mani y tsr nonyedendoci 
Uof}ertd,mojlratd che t a t far habbid 
Altre facende&fe non hdro inditij, 
O, teftimonij mi terrd yna beflid, 
Apprejjb che voi tupenfirjhe fiano 
Gli malfattori,^ nongli medefimi, 
Che per pigliargli mdlfattor fi pagano, 
Co'/ cdualier de 9 l qual,e,conteflabile, 
E el*podefladefa,a f parte } ^r tutti rubbano 
COR+Cfjf ?f)é dunque ddfar.HILj'hauer patientia, 
COR Jlauio non Vharra mauHlUConuerra hauerfda 
O \oglid,o,non poi eh", e ,campato reputh 
ChegVhabbia Diofatt'una bella gratia 
Egli,e,faor del timor, & del pericolo 
Senz'altro mal,mafon io,chegrauifJìma> 
Mente ferito ne Uborfa jkntomi, 



TERZO» 

M/o e y l danno,& io non egli ha de doler fine, 
Vna berretta gli faro far fubito 
Com'era l'altra&vna robba honoreuole, 
Ma ncn farà gialalehuno, che ammettere 
Mi ve nga ne la borfa la pecunia, 
Ch'barro j\'efa,per ch'egli nonflia in perdita, 

COR'Nonfaria buon, ch'yi,ragatierifaffero 
Aui faùit? gli bebrei,chefe venijfeno 
Quejli ajfajjini ad impegnare-evendere 
Le robbe,tant' a,badah tenejfino, 
Che voifijli auifato,f\ che andandour 
Le ribauejìi,<& lorfacefli prendere, 

HIL* Cotejlo piugiouar potria,che nuocere, 
Vur non vifcero,cbe quefii,che predano 
A vfura,efjer rubaldi non,e,dubio, 
Et quejì'altri, che comprano,per riuendere 
Son fraudolenti, e 1 1 ver mai non ti dicono, 
"Ne altre cofe più volentier pigliano 
De le rubbate, perche comparandole 
Cojlan l'or poco, & fé denar vi prejlano 
Sopra,fcianno,che mai non fi rifcuoteno, 

COR.Auifimoli pur, facciamo il debito 

Hojiro noUHIL.Se ti par va dunque, e, auifali, 
SCE. Uh 
Corbolo Et Pacifico* 

COR.Lacofà ben procede,^ pojfo metterla 

Verfatta,non mi rejla altr' a,conchiudere, 
Che farmi, i, pegni rendere da lulio, 
Lt poi mandarli per per fona incognita 
Ad impegnar quel,piu,che poffa bauerfine, 



ATTO 

Il vecchio feto gif rifioterajùbito, 

Che fapradoue fian,mavo ,che Flauto r v :. i . 

"Vinte nda, accio gouernar con Hilario 

SifappiaJ i nofiri detti fi conformino, 

Ecco Pacifico efce.VA,Ti voi flauio, 

A lui ne yengo& buone noue àp portogli. 

VA* Le parole,ch'haidette da principio 
Al fin babbiamo intefo,ch'a*nbifiatice 
Siamo a vàir aneto a lufcio.ne perdutane 
Habbian parola,COR,Che ve ne par, VA, Demmoti 
l*agloria,e 9 l vanto difitper mei fingere 
D'ogni Poeta,vna bugiala firmati, 
Che non ti vegga entrar qua drento ¥atio, 
Comefia in caja,e volga le f; alle .entrain, 
SCE* IIÌL 
fatio Pacifico, 

FA* "Perche non vi vorrei giunger Pacifico 
lmprouifo,fra vn meje prouedetm 
Ti cafa,che cotefta fin per vendere, 

VA* Gl'è voftra,d vojìro arbitrio disponetene, 

FA» Il comprator, & io cefiian ne J l torbido 
Compromefji,cb'è andato a tor la pertica 
Ver mifurerla tutta,non mi dubito, 
Che fi fiacchi da me fm^a conchiudere. 

VA* VUuejfi herifiiputOjCh' affettatala 
Vn pò ì y harrei,mi cogliete in difiordine, 

FA* Kor va,è al megho,che poi tojìo raffettala, 
Che non pò far indugia,cbe non vengmo 

VA* Tronfio? gi,ma dimanjnte,che tornino, 

FA* ÌUmcifotrMe cofiw s che la compera* 



TERZO 
Fjjrr d'iman 7 che vuol njtne, a, Modena* 
SCE. V* 

"Pacifico Corbolo* 

VA* Come faremo Corbolo d'afeondere 

II twoj? adroi^che cojìor non lo veggano* 
Cbefm^d dubioje lo vede Eatio 
S'auifara la cofa&pra ilfcandolo 
Troppo grande*COR*lcce luogo,oue afconderlo, 
P A» che luogo infirmi ce, fa/m furandola 

Tutta,ejjcr pò ftcur,che non lo troiano, 
COR + Hor non c'è aìchuna ca[fa,alchun armario, 
VA* ]\t „ C if cm > a ltro } cbe due caffè picciole, 
Che Santin ingiubbon non caperebbono, 
COR*Dunquejzccianlo vfeir prima ch',i,vengbano 
PA* Cofiflogliato*COR*lo vo,a,cafa,& arrecoli 
Vn'altra vefte*V A-Hor va,e Ritorna libito, 
Che qui t'afietto-CORJo veggo vfar Hilaric. 
SC E* VI* 

tìihtrio* Corbolo* & Cremonino* 
HIL» Non fera fé non buon, oltreché Corbolo 

Vhabbia mandato, s' anch' io vo,che credere 
Io non debbo } ch'alchun più dihgentia 
V/i ne le mie cofe di me proprio, 
Md eccol qui/n'hai fntto*COR*lfac y &' Renimi 
De,iJàbbioni ho awfti,hora vo volgermi 
A,i, carri, quei da ritta fa an gl'ultimi, 
HIL. Che dimmanda colui, che va per battere 

La noflra porta~COR*E,d Cremonino,0 Dianolo t 
Siamo fcoperti*UlL*Ch'adimmandigiouane, 
CRE.Dimmandofla'uioMlL.Ob quella mi par effere 



ATTO 

Lafua vefle.COR.a me ancbor, vedete fimile, 
Mente lafua Beretta,bor aiutatemi 
Bugie,fenon,fiamofoacciatuHlL.Corbolo 
Come va quefta coja.COR*glì fuoi propri} 
Compagni barran fatta la beffa& toltoji 
Credo piacer dibatterlo fatto correre, 

HIL* helfher^o in verita*CRE.mio padron lulio 
Gli rimanda,! Juoi pegni&gh fa intendere, 
Cbe quel fuo amico.COR.Cbe amico ,odi fauoU 

GRE. Quel cbe preflarfu quefli pegnuCOR.cbiacbiare, 

CRE+ Gli doueagli denari cbe tu Corbolo, 

COR.O cbefittion*CRE*Venfti boggi,a,ricbiedergli, 

CORJo.CRE.rufuCOR*guatavifo,come fingere 
Scia ben vna bugta*HIL>Corboh pigliali 
E re pongli va,va,tu va t di,a,Iulio, 
Cbe quefli ftber^i vfar non fi dourebbono 
Congl'amicuCRE.Cfefcberzi'HlL* e conueneuoii 
t^onfcno 3 a,gh par fir<w*CRE*No/j credo,cb 9 babbia 
Mio padron fatto, cbe m'accenni beflia, 
Vo dir la verita.GOR.Accenn'io.CRE* e defftndere 
Il mio padron,cb f >a,torto tu calumnii, 
S'hauefje bauutigh denar preflatogli 
Gli barrebbejar volentien.COR*Denar figliati 
Viacer,tifcgnifirfe,o noi purfeorgere 
Credi per wibriacbi,& per fhrneticbi , 

CRE*Hor non portcfti quefta Vefte,a,Iuho 

In quefta maneXOR*a } pie,o,acauallo,babbiamote 
lntefc.CRE.Vur ancbo m'accennuCOR* Accennotu 

HIL» Deb cbe ti venga il mal de fan? Antonio, 

Non t'bò vedut'io,cbegli accenni. COR* Accennoh 

Ver 



TERZO. 

Ver certo ya^imoflrar, che le malitie 
Sue copnofciamo,zr che,a,noi non pò venàerle M 
CRE* Ualme fon le tueMlL.La voglio intendere, 
Onde hai tu hauute quejìe robe.COR.lulio. 
' Heriflete,a,la yofid.HlL.Da lui voglolo 
Etnon da te fyer.COR.Ti darr a, a intendere 
Qualche la'a y che fcia troppo b. nj,ngere 4 
GRE» Fwgi P tir tu.CGWHor ntJtm'yZr non ridere, 
CRT:. Ci* rider/neiuatar.COR.Va^a^iaJi^.lulio, 
Che flauto jàra buono vn di per rt nderli 
Meno di quefìoMlL*Kon andar non, beuati 
Vur tu de qui,ch'io voda hv, informar mene, 
Et non da f t \COR«Non fia verojh'io toleri, 
Che cojìùi vi ddeggu¥ìlL*Y:t temi tu, 
Che le parole fue perho m'ir.cantino, 
Md dimmi quejìe robe } va via heuati 
T;< ài qui.LOR.Vur volete darli audientia* 
Qiianti torcolifon per la venàemia 
N<WP|i potre bbon fare vn verro eftrimere, 
CRE. Dico U verita.COR.Coft,e,pof]'ibde 

Come,che àica il pater nojlro vn afino, 
HIL. Lajualo d/i\CRt.Io àiro el vangelio, 
COR.Scopriann il capo,perche non t e,hcito 

\àir,a/apo coperto il vangelo, 
UlU Ver ogni via tu cerchi d'interrompere, 
Mdjfe tu parli piu y deh vien,luffamolo 
Vi fuor, entra la in cafa,lo mi delibero 
Di fcperquefta giunteria, cW "altr'fflfr e 
Non po,mafernanfòr quefia [cecaggine* 

Lena, C 



ATTO 
SC E* VII. 

Corbolo. er 'Pacifico. 

CORtNoi fiati forniti a quattro,} quattro correno 
Li vinticinque fiorini ,ma correno 
Tantoché pia non u'èffeme di azgiongerlì 
Come n'ha fatto vn bei finii tio tulio, 
Ver Dio fempre gl'bMiamo ad batter obligo 
Mi dice tornerai fra vr'hora ì intendere 
Ottanta Jìa fitto, zr poi n'ha contra a l'ordine 
mandato qttefto pecorone a rompere 
Le fila ordite ,ch z 'io filano ter teff:re, 
VA* Che fa fiato così tanto a contendere, 
Dou'è la vefle,che tu orecchi a flauto , 
Non indugiam,car,char ti venga a metterlo 
fuor di cajà,cbe afi etti .ch'entri ratio, 
Et che lo yegga.CORSio non poffe in camera 
Entrarle m'ha di fuor firrato Hilario, 
VA* Comefhremo.COR.Veii di nafconderlo 

In cafa.VA.Non c'è luogo.COR. Dun<p mettilo 
fuor in giubbone due partiti prendene 
L'uno^o l'afiondi incafa,o ingiubbon manialo 
Difiior.l? A + Ne l'unge l'altro voglio prendere, 
COR.Chefhrai dunf.PA.Hor mi torna a memoria 
Ch'ho in cafa vna gran bote 3 che preflatami 
Qitefi'anno attempo fu de lay endemia 
Va vn mio par ente, accio ch'adoperandola 
Verfiro,lefiaceffì l'odor perdere, 
Cb'hauea d>ficco,eglt dippoi lafiàatomi 
L'ha fin aiejfo,lo uè lo vo nafeondere, 
Tantoché quefii } che verrancon fati* 



T E R Z : O 
Cercato ajùo bell'aggioogni cos'hcFo'.ano, 

COR.Vi capirà egli dentro.VA.Si a fuo commodo, 
Et già fiu giorni io la nettai tenijj.mo, 
Et pojjò a mio giacere \tHarnt£g\ mettere 
V n fondo. COR* Andiam'o dun<p,£r con figliamoci 
Con effe lu\Va.Credo,che quefiijìano 
A ponto quei, eh' entrar qua dentro vogliono, 
Son d'effi certo,ch'io conofeo il Torbido, 
Eornian noi quel,ch' abbiamo àfiir.COR.Eorniamolo* 

P A» Dunque yien dentro.COR.Va la ch'io tifeguito, 
SC E. V 1 1 L 

. Torbido, Gemigniano, & Eatio* 

TOR.Voi, ch'io {'narro mifurataja pertica 
M: dira quant'ella vai fin a vn paiolo. 

CE* Dunque tal volta le pertiche parlano, 

TOR*S; ben, ?,ftej]o firn parlar, fendendole 
In fu le |] ale altrui, ma ecco,Eatio, 
Ch'habbiam'afar.Ea.Qiiel eh' e detto metteteui 
A mifurar quando vi par ,comminciano 
Qiù le confine,& quel legno non pafjano* 

TOR.Cominciaren qui àuncp.E A.Comminciatecn 

TOR.V na,m?ttetteui in capo il coltello.GE.Eccolo. 

TOR*E dua,& queflo a'^prejfò,a ponto mancano 
Duifijii,che tre piedi non puon'e{fere 
Andiam'hor dentro.EA.La mitate hor prendere 
Votete,& notar quejlo.TOR.lo.lo noto,eccolo- 
SC E. IX. 
luliano Solo. 

IVL» Hor'horafu in palalo ridonandomi 
Ho veduto fignar vna lUentia 

C ti 



ATTO 

VaHScindico,di tor pegni, a V deifico 
Ver quaranta tre lire^h'egli^Bdrtolo 
Eindell',e, debitore,?? fon certi jftmo 
Che non fi trotti tantOych'habbia^fcendere 
Ala metd,ne di ter^o di tal debito, 
Ver quefloflo in timor, che non li tolgmo 
Vna mia botte, di che, d, le vendemie 
Ver bollir eljuoyin gli feci commodo, 
Megl',e,primd,ch'i sbirri fé la lieuino, 
Ef ch'io l , habbi,ajitar poi,& contendere, 
Etproudr,chefia mia /io vo 3 a figliarmela, 
E poi,chel'ufcio,e,dperto t d t ld domenica 
Entraro,yienfncchin yien dentro feguime* 
ATTO QVARTO. SCE* I, 
Cremonino Solo* 
CRE* VLorwedo ben,che fondato malpratico, 
Et me n'ha gravemente da riprendere 
Il mio padron,como lofcia^h'a Hilario 
Rabbia feoperti gì' aguati t cheCorbolo 
Vofligl'hauea perfar,ch'auejfe flauto 
Va lui denari,®* per inaduertentia 
Solo ho fallito,® nongia per malitia, 
Ma che poteuo iofiper,non ejfendomi 
Stato dett'altro,da doler s'harrebbono 
De mio padron che douea auertirmene 
Vur, efiata la miagrand'ignorantid} 
Che de l'error non mifipejfi o accorgere, 
Se non poi quando non c'era rimedio, 
Uà doue yanno quefìi sbirri,ir debbono 
A dar mala yentura ad akhun pouero 



Q.VARTO 
Cittadin Mala raz^a,ftceia d'huomenu 
SC E* IL 

Bartolo Solo. 

BAR* logl'ho mandati diece \olte,o dodeci 
Gli mej]ì,aeeio t che li fognigli tolgano, 
Ma quejii mandgoldi pur che [tatto 
Vagati del viaggio,poco curano 
Vifitr ejfecution akhuna,il credito 
Mio primiera quaranta lire, e quindeci 
Soldi,?? di quejìo tenui* in litigio 
M'ba quattr 1 'anni ,?? yifin ben trefintentié 
Date conformi,?? boflefi bifilari) 
D'auocati, procuratori,?? iudici 
Vua tanti,?? poco me n le citatorie, 
Le copie de fritture,?? de capitoli 
Mi conjlan,molto àppreffo intollerabile 
Vatkba,??grauijpefe degl*effamini 
Ve'l leuar de procefji,?? defintentie, 
Le berrette,ch f ,a,queflo,?? quel trahendomi, 
Le [carpe, ch'ho fu peH pallaio logore 
Driet 9 ,a,i,procurator,cbefempre correno 
Viu de quaranta lire credo yagliono, 
Voi doppo le fi e[e, le fatiche ludici 
Sol in quaranta lire lo condannano, 
Et cbi ha fi efi, grattar fi pò le natiche, 
Ve le raegion,ch*in Ferrara fi rendono, 
Quelle quaranta lire al men s'hauejftno, 
Ma quando fcpra,a,certe majjeritie 
Valer mi pen[o,che certo non vagliono 
Quaranta lire quante fen tutte, Eccoti 

C ìiì 



ATTO 

• La moglie comparir con l f meritarlo 
Ve lafua dote, che tutte me V oc cupa, 
Non vogliose per certo pojfo credere, 
Cbefia in la pouert,i,che rejfrijccmo* 
SC E. II L 

Bartolo, & Magagnino. 

BAR. Magagniti vien inan^&fn il tuo offaio, 
Batti quell'ufcio*MA*T?erche debb'io baterlo 
Se non m'ha cffefc.BAR.Ojfende me vietandomi 
Ver lijlatuti,che ccftui t chec'habita 
Non pojfo far pigliarMa.ru tene vendica, 
Et poi ch'hauerne aV.ro non poi,d-\fuogati 
Sopra di lui, con marnar con pie battilo, 

BAR* Spero pur hauem'altro anchor^ntramoci, 
MajtntOjCh'eglippreMAMafrttofauid'' 
Mente a obedtrte^ non lafiiarfi batere, 

BAR+ Molta gente mi par, qua fu tirammoci 

Va parte vn poco,credo,chejl.or portino • 
Le Maffaritie,& ogni cofa /^ombrano* 
SC E, IIÌL 
luliano, "Pacifico, Bartolo* ■ 

I VX* Et fé là bote è mia,perche vietarmela 

Voi tu 3 ch y io non la piglLVA.Vercbe battendola 
Lafciata qui fi mefxhora ditormila * 
Ti nafee quefia voglia cofi fubita, 

IVL* Ver che lafciandol'hoggi,flo à pericolo 
Ver la cagion, ch'io t'ho detta di perderla, 

FAR. Effe r douean awf ti, ne giungere 

Ci poteuan più à tempo.lVL.Ne comprendere 
Vojfjf non me'lnarriil danno ^ P#*i ' 



(1VARTO 
Che fr ti pojjà il tortila^ il lafchrtela 
PAG Toghenhl'bora tu mi fra grcndiffimo 

Vano JVL.ru pur a me.V ACMei^bora piacciati 
Vi Inficiarmela ancbora.lVL.Lt s'hora vengono 
Ver vuotarti la cafàjjbirri i t? eccoli, 
Ecco// certo } nonfiin^a contendere 
Rora l'baurOyVe s'io douea Inficiartela. 
SCE. V. 

Bartolo ^Aigcgmno Spagnolo y luliar.o, 
BAR» Cotefla \o per parte de'l mio credito, 
Falcione,?? tu Magagnin vigliatela 
InJl'aUa.*? tu Spagnuolo, MA Jo nonfogl'ejfre 
Bacchino.SP.Et io tan poco*BAR.Vw bel feruitio 
Ho da voulVL.Nonfia dchur.xhe di toccarmela 
Aràifcajk nGnyud.BAR.VHr<p vietarmi tu 
Vuoi, che nons'efrquifca la licerìtia, 
Ch'ho di leuarh.ijVegni.IVL.Glijitoi toglierli 
No*z ye diw.eto mafia bette dicoui, 
Chegliè mia.BAR.Come tua.lVL* Glie mia verififi 
Mente ,cbe vgu'annof da me trematali. 
BAR» Veh che ciance fon quejle.r: sonandola 

Vficir di cafifua come fan tóUcfa 
IVL. La tolli fì/zo te'l comporto Inficiala 
Se ^'on ch'io te EARSiatem: teflimonii, 
Che cofìui vieta,lVL.Cbe xieta.lafciatela. 
SCE. VL 

R t io, lui ano ,Vac fico, E>artQlo,Corbolo. 
SA . Ofache rumor fatte voi qui che firepito 

E queflo JVL.Gl'è mia botte,?? riportarmela 
Voglio a cafia,®- cojlui crede vietarmelo 

C Uh 



ATTO 

PAC Dice il vero fiutar certo.BAR.Any non dicono 
Il verolVL.Tu mente JA*Sen%a iniuria 
Dirui parlate^ AR.Tu ment'ulW lamento te, 
Che tu di y ch'io non dico il vero.BAR.Fatio 
Vi par, fé ài cas'efce di Pacifico, 
Ch'io mi debba Ujciar dar ad intendere, 
Ch'elio fia fé non fua, TVUSe di Pacifico 
¥ujfefior ne laflrada non trarr ebefi, 

feRA* An^i la trahenate per nafconderla, 

PAG Kongia per Dioja traheuoper rendere 
A lui ,ch' ugu' anno me nefiferuitio, 

FA. Ch'io dica d mio parer. E AR. Si ben rimettere 

iti voglio x voi .1 VL Jo anchora,£A~Lafcid Bartolo 
Che quefta botte mi chiami in depofito 
Et fé ìulianfra duo di mi certifica, 
Che jìifua, l'ha batter ,ma non facendomi 
Buona prona vorrò ch'habbia patientia, 

IVL* Son brn contento.BAR.Et io contentodVL.Pojfcui 
Chegl'è mia fralmente far cognofcere, 

BAR* Se prouaglie ne fai verà,^r legitima 

Sia tua.tu doue,& quando voi via portala, 

PAC+ T« mi par poco Qu:o } a 3 compromettere, 
Et lafciar turbidar la ch:ara,& liquida, 
Ragion,che u'haLCOP^Dice il vero,lafciateU 
Più toflo ou' era in cafa di Pacifico, 

BAR. Qitefio configlionon mifarebb'utile, 

Che toccante \che c'ha'i tu da intrometterti 
O tu [e non e V(aCOR*Per me rifondere 
Voglo^hefvrfi n'ho parte.IVUConcederti 
Non voglio già cotcfio.CORM appertiemmifi 



Q_ V A R T O 

Vi è più che non ti parJA.Et appartengati 
1VL* Come appartienine ver.^ A. Appartengali^ 

E* non ti par t cb'in cafa mia debb'ejfire 

Sicura àur.fycomofol con Bartolo, 

Et non con lulian babbi amicitia 
I VX* Cifiamo vn tratto compromejjì in Udo, 

Sia il dfpofitario egli,eglifia illudice. 
BAR» Et cof: dico anch' 'zo.F A,Dw<£ fingetela 

Qua dentro in cafa,*? non habbiate dubio 

Chejin,ch'io non fin ben cbiaro } e } certiffimo 

De chifia de ragion 3 U Ufci mouere* 
eOR^lauio u'è dentro } hor uè s'ogni difgratid, 

Hpr ve s'ogni faagura mi perfiguita* 
FA* Vacijico fcrrefti meglio } a,atender e 

A cafa,chegh birri non ci tolgano 

Altro,®* tificcian peggio.? AC.Cbe mi poffcnb 

Torre,e'l poco,che cejaanno tutt'efjcre 

Di moghema ben altre volte fiatici 

Sonno,pur vo,ma eccoli fior efcono* 
SCE. VII* 

Magagnine orbido,Gemigmano,lul>dno y l!atiò* 
MA* Altro in fimma non u'è,che quel, che filiti 

Siamo trouar,& ch'e fu l'inuentario. 
T OR* Ah lddri y rubbaldoni, eh' inuolatomi 

Haueteil mio mantelloMAQXai grandiffimo 

Mal accufirci,a,torto,& dira iniuria, 
TOR.BrHfo impichato,che ti venga il canchero 

Ch' è quefto che tu haifottoM AG, Tolto haueuok 

Ver le mieftefi,ty non per molartelo,- 
TOR do ti darò lefìejeje la pertica 



ATTO 

Non mi vien meno.GEM Jo vo prefitti vn'epen* 
1VL* Non mi vo anch'io tewr? fe mani a cìntola, 
TOR*V> li quel fijfoGemignian, pigli alo 

Spedali ti ccìpo,t«/e! pjfr ck Moctow, 
MAG^Gli ojjk'dl dfl Signor cefi fi trattano* 
TORJl Signor non iien Uhi al fuofiruitio, 
Via ldri,v \d poltroni via co'l Diauolo 
Poco p'.tt^b'indugiauo ai auedermene 
Ero. fornito frifcgnaud andarmene 
In belfrrfitOy^r mi venia a propofito 
Vhauer meco portata quefla pertica, 
Ch'in fyalU ed vfi d'una picca battendola 
Hattrei partito vn Lan^chnech.ò Suiz^aro y 
FAT* Refi* a mifurar altro/TOR.Fm a l'ultimo 
Mittonbo m<furato,& fin a l'ultimo 
Legjio,che c'è l'ho ferino & meco portolo. 
Poi ne Ietterò il conto ,& farro intendere 
Ad ambi,à quanto prez?o poffa afeendere. 
GEM*Qitdndo.TORrHoggianchora,CGmmand 3 altro fatto* 
FAT* Non J?ord*TOR.A dioJASon voflro,o laVcinia 
S'alchun mi vien a dimandar, rimetelo 
A la botegaqui de maftro H Onofrio*. 
fin a l'hora di cena potrà hauermici* 
SCE* VIIL 
Lena Sola* 

LE* Nf '/ mal ègrand'auentura,cbe Eatio 
Vfcitofta di cafa,cbe affittile* 
Ment'e,fe non fi partiua } poteuafi 
Hoggi più trar di quella botte EÌauio, 
Qom'io lo viddi in quella cafa fingere 



aVARTO, 
WPaffalfe al cuor yna paura,yn tremito, 
Ch'io non [ciò come io non mi morifubito, 
Potuto non fhauria fi poco mouere, 
Che di fi non hcuejfefiitt 1 'accorgere, 
Vn fcfyirar ,vnjlranutir,vn toffere 
He rumaua^oijchefin^a nuocere 
Qitefìafaagura è paffata.proueggafi, 
CW<àxà non trtig<i,hora non s'ha ai attendere 
Ad altra cofi^he di tojìo metterlo 
Vi jùor t ch' alcun no'l yegga yada Cottolo' ' 
A proueàer de yejli y maji<or mandeffi 
"Pero prima la fante, che pericolo 
Sarria.cbe jlando ella qui fv.ffe ilgiomne 
Va lei yeduto } h ftntito,odi Menica, 
A chi die' io, Licinia di a la Menica 
Che tolga il yelo,& a me yenga,hor eccola* 
S C E. IX. 
Menica, Lena, Corbolo, "Pacifico* 
Lena che yuouLE.Piacciati cara Meniea 
Di farmi yngranfiruigio da douertene 
Ljfirfimpre tenutoME+Che yuonLE.Vuomitu 
Farlo.ME J{ fcro^ur cb'e'l fer mi fia pofjibile* 
Va Madre mia,fi m'ami fin 7 agl'Angeli. 
Hora.LYi.HorafiME.Lafciami prima mettere 
La cena aljuoco.LEMon^a pur che mettere 
Jofeprofen^a te al fico yna pentola 
Va,comefci òritt'a la chiefa pieghati 
Tra l'ho.to degli mojli,e'l monajìerio, 
Et yafu al dritto fin, che giungi al yolgerti 
A manfwijlrah la contrada dicono 



ATTO 

Uìracol credo,o,vaME*Che vi voi Domine, 
Ch'io vi vada,afhrXE.Vedi ceruello infirmati 
Qui, credo fa il ter^'ufcio t ouehabita 
La moglie di Vafquin,ch'infegnaàlegere 
A le fanciulle ,Dorotheaf nomine -, 
Vaquiui,®' dili a te Dorothea mandami 
La Lena a t or gli fèrri fuoi da volgere 
La fitta fepra li rocchetti,®- prephala, 
Che megli mande perche me bifignano, 
Hor va Menica cara,donar voghoti 
Voi tanta tella,che facci vnajcuffia, 

ME* La carnee nel cairn lattata, e, in ordine 
Non refìafe non portane la pentola 

LE* Troppo cred'io,che lafaben in ordine, 
Dico quella di Elauio,ma in la pentola 
Non la porrà prim'egli di Licinia, 
Ch' ,i, ventìcinque fiorini non sgabbino, 
Cono fio io ben l'amor di quejli giouani, 
Che durafclamentefin,che bramano 
Hauer la cojà amata & fender ebbono 
Mentre, che fanno m quejlo defiderio 
Non che l'hauer,mail cuorfn,che gojfeggono 
Va l'amor come il fuoco, che fpargendoui 
De l'acqua fopra fuolfubito ejiinguerfi, 
Et mancato l'ardor non ti darebbono 
De mille l'un.chegia ti promettejfno, 
Ver queflo voglio ir dentro,®' interrompere 
S'alchunacofàfin^a me dijfegnano, 
Corbol hor fu facciati to]ìo,arreccali 
Alchuna vefie,che lo poffam mettere 



Q. V A R T O. 

fuor mentre l'agiofi habbiamo.COR.Anzi pregoti 

Mentre habbiam' aggio fi } che poffa mettere 

Dentro,?? dateli luogo tu è Pacifico, 
LE* In fi di Dio nonfarra f ne ti credere, 

Ch'io gli lajjì hauer cofa } che deftderi, 

Se prima gli denari non m'annouera, 

Et effer guardiana iojleffa woglione, 
COR^uardala fi,che gl'occhi ne .rimanghino, 

Debbio patir, che llauio da "Licinia 

Cofift debba partir fen^a prenderne 

Piacer, <& babbi hauuto quefìo incommodo 

Di leuarfi che dieci bore non erano, 

Dijìar qui dentro cbiufo } come in carcere 

D'ejfèr portato con tanto pericolo 
Serrato in vna botte,come proprio 
¥anfi l'anguille di Commacchio è i mugini, 
lAa che farro cedendomi contraria 
Co'l becco fuo quejla Puttana fimina, 
Congli quali li pregi nulla vagliono, 
Ne luogo han le minacce } ne potrebbefi 
Vfarfir%a,che troppo è il pericolo, 
Stando coftfin^a leuar piujlrepito 
Venticinque fiorini in fin bifignano, 
Nt» li qualfvmo condennati,& gratta 
Non fi n'ha a hauer ,ne voglion darci credito, 
Doue trottar li potrò, ofnr predarmeli 
Su la fide è prosato,®* èfiat'opera 
Vane,fui } i } pegni non fi puo,ch'Hilario 
Ne gl'ha intercetti, a lui ài nuouo tendere 
Vn'altra rete,farha temeraria 



ATTO 

ImpreJa,non fi lafciar ialiti coglier?,. 

Et pur tal'hor degl'angeli fi colgono ^,: 

Che caduti in la rete altre y oh* erano, 

Et n'erano altre yolte yfciti liberi, 

forfi ferra l'inganar io più facile, 

Hor 3 cheglipar,cbe malfucce\fc effndomì 

"Le prime,r francar fi tofio V animo 

Non debb' a porli le feconde infidie 

Ma cbefnrro 3 che farro ,in fin delibera 

Vreflo,che di penfir ci è poco termine, 

lo farro s lo drrofì ben,che credere 

Mi potrà facilmente ,ma Vacìfico {me 

VienfiiOra.VAC.Ou'è la uefi.e.COR.Che vejl',hai 

Scorto per furto ^o che el mio ejfercitio 

tionjàppi* Io tengo la zecca,®*, vo batere 

Venticinque fiorini bora per darteli 
VAQXuJs'egli il wo*COR. A miofennogouernati, 

Hai tu alchun arma in cafa.VACSu m la Camera 

Depinta a ne'l camin l'arma di Jìatio, 
CORXtica da offefiuV AC* Affai n'ho } che n'offendono, 

La pouertdgli penfieri,<& la rabbia 

Ve mia moglie,e'l fuofempre dirmi iniuria^ 
COR + D/co s'haiffiedofi roncba,o$ada,o filmile 

Cofa*¥AC*Vi è vnfìiedo antico, & tutto ruggine. 

Ve s'egli è trijlo, s'egli è mal in ordine, 

Ch',i,birri mai non curan di leuarmilo* 
COR+Vienmelo monfirajhor bella archimia 

Non ti parra,s'wfòdi quefia ruggine 

Venticinque fiorini d'oro fónderti* 



AT TO a V l N T O 
5 C E» U 

Corbolo,Vac:jìco > &' Staffieri* 
COR*Vien fuori, u:en più in qu<i,piu anchot -a partiti 
Vi cafa vn pcco tu me par più timido 
Con l'armi in mano,che non dourejli ejfire 
Se l'haueff ne'l petto,de chi dubiti* 
PAC* Ve'l Capitan de la piatta,che cogliere 
Mi potriaqui con queftofriedo è mettermi 
In $rigion.CCR.'Xon,cr)'iogli daria adintendere, 
Chejuffi ynsbirrOjQ vn bo:a,£r crederebbelo 
Che de l'un,&- de l'altro hai certo l'aria, 
Ritta la tejta,par che vogh piangere. 
Sta ritto Jìa gagliardo, fa il terribile, 
la il brauo.PAC*ComefcjJiil brMO.CO.Attacala 
Spejfo a Dio,è Santi ,tìenlo cofi,& volgeti 
In qui efi vn v;fojiuro 3 & minacieuole, 
Yen fon pazyo,chejzr voglio vna pecora 
Simigliar a vn Leon. ma veggo giungere 
A tempo dui Staffieri di Von Hercole, 
Che douf coftui m^nca ponficcorrermi, 
Voglio ire a feBwofl di fratelluST.O Corboìo 
Buon di, e, buon anno, come la {pi,vuonne tu 
Ear ber e, d QRSi volont:eri,ma penfoui 
Di dar me<'lio,chebere,ST.Eb.COR.Yermandoui 
Qui meco vna me^y'hora,voglw metterai 
V n controllando m man ,da guadagnar uene 
Almeno vn paio di Scudi per vnoST+Yxcoci 
De'l ben,che ne ferrai per hauert'obhgo, 
CORjo ui diro,quefu Giudei, che prefiano j 

A,rìua,beri comprorno vna grmdifjwut 



ATTO 

Quantità & formaggio, y caricatolo 
Ban Cu dua carra& in modo copertolo 
Sotto la paglia,cbe non potria accorgerft 
Akbun,che cofa h-fle nonfyendolo 
Come z'o,cbV/ [no da quel,da chi lo comprane 
Etftnia hauer toltobolletta,o datio 
"Pagat'alchun per quejìa via el conducono, 
Hor non volendo io difcoprirmijiauendone 
Variato a quefio mio vicino, & yofiogli 
Quel Chiedo in mano,accio,cbe come pajfino 
Lf carr a 3 ei frughi ne la paglia, z? truouiui 
Il ccntrahando,lofarria qui a intromettermi 
D'accordo,perchegli Giudei nonfujfmo 
Accufati da \ui,ma pufillanimo 
EyCofìui fi,cbe non voglio imbacarmene 
Ver fuo me^TOjhor s'a fané volete eterei 
Voi volentier u'accettoST+Anv pregartine 
Voghamo, è il guadagno promett emoti 
Vartir da buon compazno.COR.Hora firmatela 
Tuqui,e,tien V 'occhio ,che fé la paffeffino 
Le carra,in vn momento poffi correrci, 
f.,tuaquejl 9 altravia ferrai la guardia, 
Vojl'ho Vartegharia a li canti, faci ano 
Qui tefla bormai le bugie, ebe fu piuano 
Cacciate,e rotteti? tornando con immetto 
¥Hlario,cbe l'bauea cacciate goccino, 
Via eccolo vfeir fuor, pur eh* elle posano 
A 9 quefio duro principio reftflere, 
Non temo non hauerne poi vittoria* 

$ce* ij* 



Q.VINTO/ 
SCE> IL 

tìilario Solo* 
HIL* O come netta me laficea nafcere 

Quel ladroncelfe non me hauejfe Domene* 
Dio cofi a tempo mandato quelgiouane, 
llquale a cafo y &- non già volontaria* 
Mente m'ha fitto por gl'occhi a la trappola, 
Ne laqualper cader ero fi projfimo, 
Volea cred'egliflauio indur 3 a, vendere 
Le robbe di n'ajcofix? in tifarne 
fargl'il prez?o mal mettere,?? fittrar gliene- 
Verjc la maggior parte & io credendoli 
Haiiea di fargli vr? altra vejla in animo, 
Et vn'altra berretta per nuolgerli 
L'affanno ingaudiO } ch'io credea.che metterft 
Voue fjf ,pw come di vera perd.ta, 
Ha non mifcio penfar.perche tal termini 
V]ì meco il mio ¥iawo ch'e'l p:u fiele 
Vadreglifonno.& quel che più lojìudio 
Di compiacer in ogni defiiderio 
Honcjlo/r, 7 altri che al mondo.fia voglione 
Incolpar fui quefto Giotton di Corbolo, 
Ch'io non mtenh.che mifiia in vn attimi 
In cafa } lo vo cacciarlo come merita* 
SCE* III. 
Hilario, Corbolo. 
HIL* Ma anchor hai brutto manigol.io audacia 
Vi venir ou'iofia.COR.Deh qufia colera 
Ponete giù & per Dio non vi contamini (gere 

La pietadeMlL.Oh tu piaguCOR.Etvoi più pian* 
lena* D 



ATTO 

Deur$i,yojlro fighttolo.KtL.Dio cintami. 

COR.E in pericolo.EÌL.VericohCOR.Si d'effe re 
Mortole non ve fi rippara fièno. 

KTL* Come,come,dì 9 di,dou t è.COR.l?acifico 
Vha colto con la moglie in adulterio, 
Vedetelo jCola.che yorria ycciderlo 
Con quel ffiedo,e.chiamat'ha quei duagiouani 
Son par enti, & affetta ancho,che vengv.o 
Trefoi cognati.UlL. Egli dou'e.COR. Chi flauio, 
La dentro quejli rubbalai l'affi diano, 

HIL. Voue la dentro.COR.in calala di Fatio. 

HIL. Euui ¥atio.COR*Se vifi.Jfe,il pericolo 
Non mi parrebbe tanto ,u' e ynagiouane 
Sua figlia fin-a p : UjConftderrtila 
Hor yoi,ch y aiuto pò boiler d'una fimina. 

HIL« Se con la moglie in cafafiua Ratifico 
Vha colto 3 com'e m cafi hor a di Mio. 

COR Jo vi diro la cofa da principio 

HIL» Dil!a,ma non nejcemar,ne ci aggiongere. 

COR.Ltf diro a ponto comefta } ma yoglioui 
Vrima certificar , che quella fintola 
Laqual dianci contai che fiato Ilauio 
FraaffialitOjgr che tolto gl'hcueuano 
Gli panni,non lafirfi eia per vuocerui • 
Ma perche voi con minor dfilicentia 
Mi defiligli denar,che poteanjnbito 
Liberar ycfirofigluol àa'l pericolo, 
Tnch'horafi truou'egli t oue mancatami 
Qttella via effindo } e } in molto peggior termine 
14 yitajka 3 che nmjù diar.yMlL.Wrrami 



Q. V I N T O f 

Comefta ilfatto.CORX-lauio hoggì credendofi, 

Chejù\Je fior pacifico & credendolo 

Anch'o la Donnajn cafa ne la camera 

S'era con lei ridotto ,& mentre franano 

In piacer, quel beccaccione rtdfiójòffi 

Non [ciò dou'erafilto per ycciderlo 

Fworco quel$iedo.RTL*llcuormi trema.COtLJla 

"Pregando fi pur tanto ,{? fupplicandolo, (uio 

E di donar denari promettendoli, 

Che gli lafcio la v;ta.HIL.Hor m< refeiufiti, 

Se con denar la cofi fi pacifica* 

COR*Non ho ditt'ancho il tutto*HlL*Chec'è,figuitd* 

COR Jn ventecincpfiorinfi conuennono, 
Chephma,che dafiemefipartijfiro 
foffersborfati, mando per me klauio, 
Ef la berrettai la robba trahendoft 
Mi commi fi, eh' io andafjì a trouar lidio, 
Che gli fhceffi pagar queflo numero 
Vi denar fipra,<& tutta \ia per (latteo 
Quitti rimmarrebh 9 egli,poi quelgiouane 
Ci turbo y come voippete^flauio 
Ter lui,fi non vi ripparrate,è a temine, 
Che Dio VaiutuHIL.Verche debbi nuocerli 
Si fin d y accordo*COR*Vdite pur, Pacifico 
Tenendoci vcceUato,con più furia, 
Che prima cor? al [pedo,®- f'tn^a intendere 
Alchuna Jcufa yolea pur reciderlo* 

HIL* Taccili error, che non veniflifubito 
Ad auifirmi,Aljm che auerwefiguita* 

COR. Non/c/o perche non l'ucifi,e,credetime, 



ATTO 
Che ben Vio,gr Santi flauto hcbbe profitti, 
HIL* V« manigoldo poltron.ha hauuto animo 
Ve minaciar vn mio figlimi d'ucciderlo, 
COR*Sf non } che voflrofigbuol rippar<tndofi 
Con vn fanno chefrefe,& ritrahendoffi 
Vurfempre a l'ujao,fdtofiior,harebbeÌo 
Uorto.KLL.Sijàluo i fcmma,CQR+No'l vo mettere 
Ver [duo ancbor+RlUTu m'occtdi.COR.incal^ado 
Tutta yia quel rubbaldo & non lattandolo, (lo 
Slongar molto dafe.fifòr^a et flauto 
Chefifitgiffe incafa la di Yatio, 
Et cofiu'è ajfediatOrRIL.Vedi audacia 
V un mendico } fi t r 'fante ^temprano* 
COR + Et firn ch'ha finito cerca fhr d'ultr'huomeni 

Ragundn^a& d'intrar la dentr'ha } in animo, 
HIL. Entrar la dentro,lo non fon cofi pouero 
Vi fccultatgr Pomici, che dijfendere 
lo non lo poffa } & far parer Pacifico 
Vnfciagurato.CQP.Mon vegliate mettenti 
A } cotalpruoua y hauendo altro rimedio, 
Chefir le ragunan^e,e,contragl'ordeni 
VeH Signor ,e, vi fon pene arbitrarie, . ! 

Et accader potrebonuihomicidij 
Et quando anchor proued'.ate } chefhcile, 
Credo vifia che non noccia Pacifico 
A fimo in la per fona .tmj vo credere, 
Che V*o/,eir flauio più fiate atti a nuocere 
A y lui } pur non fnrrete riducendoft 
Al Podefla coflui.com' e da credere 
Che fia perfiar ch'e'l Podeflata procedere 



Q. V I N T O. 

Non habbia centra Elawoj, quali fiano 

Nejlatuti le pene de li adulteri, 

Et oltre li fidtuti guanto arbitrio 

il Potefl'habbia di poter accrescere 

Secondo ,che de l'mqivfiti vaghono 

La fault à ,non fecondo } che merita 

te pene ilfalo,pur vi do:vrebb y e\fere 

Nofo Vadron,guardate,che con lagrime, 

Et dolor yoflro non fatiate ridere 

Qiieftì di corte, che tutta via tengono 

Aperti gl'occhi a tal cafi.per correre 

Adimanda le multe in do;: al Principe, 

Ventecincp fiorini. è meglio (Vendere 

fatica guerra,?? à> accordo {W in pericolo 

Vorui de cinquecento,}) mille perderne, 
HIL» Megl'è.cb'iofiejjc parli con Pacifico, 

Etvegga vn poco ilfuo pe ■-/ifr.COR.Nort Dianolo 

Non andate : che tratto da la collera 

Non tranfcorrefreadnui alchuna miuria 

Da doueruer.e poifimpre rencrefeere, 
Lafciate pure ir me.chefiero volgerlo, 
In due parole } & falò cheto. & humile 
Et fia più vojlro hònorfi qui conducerlo 
Petre.KlL.Va adù<p.COR. A frettami ^HLLOA 
Falli profferte ,ma non t nfcluere (me 

In quantitade alchuna,che' conchiudere 
Ve'l prezzo voglio che fi? a me.prcmmetteli 
Generalmente juni'intenduCQR.lntcvÀoui, 
Tutta via nonguardate di p-u fi endere 
Vn paiolo dua defiorinu\ML t A y me,lafciane 

D >:i 



ATTO 3 . 

Curatiti queflofon di te più pratico. 

scE. un. 

Uilano Solo, 
HIL* Verifiche fera cofa fiuti fera, 

Che yrimajh' io malocchi con Vacfco 
Ritruoui Fatto jo voglio pur intendere 
Da bé,fe de patir jbè coflor facciano 
A miofighuol in cafa fua violentia, 
Et ancho fi ra buon a 'por concordia 
Tra noi y che fció che molto,e t fito Paci f co, 

10 l'harro qui,a,la barberia,ou'èfclito 
Digiuocar quant'è longo il giorno ,a,tauole^ 

SCE. V* 
Corbolo* Staffieri* Pacifico, 
CORXratelli andate pur gonfiate, a,perder e 

Tempo,che'l Vadron mio.dalquale comprano 

11 formaggio ,i giudei mi dice,ch y egli no 
Ha mutato propofito& che tolgono 
Tur la bolletta,?? han pagato iV-datio, 

STA* Eraperhovn miracolo } chefv(fimo 

Si auenturofuCOR. Accettate il buon animo, 
Non è per me refiato di fori? utile* 
STA. Lo cognomino,?? te rfharrem ftmpre oblgo* 
COR*Son vofiroftmprefratellhSTA*A dio Corfco/c 
P AC. Com'hai foto~COR-Keniffmo, ti fieno 
Ventichupfiorm dati da Uilano 
Pregandoti.^? di grafia domandandoti, 
Che tu li accettile perho procedere 
Vorrai come io dirro&fcrui,!, termini 
KeH parlar tuo,che poi ti farro intendere 



(^VI N T O. 

Ripoflo cf>'f?rt66i i? fp>io,f?or va wo/i perdere 

Tempo, riponlo^ & we torna fubito, 

OduVA.Chevoi,COR*Voi,cbenon he più dubbio, 

Che li denar promeffi non ne vendano, 

¥*,che tua moglie efebi di la.& dia commodo, 

Che quelli amanti inftemefi [clamino 

Vnma } che torni la fante, ouer Fatto» 
PAC Ci fura tempo } anchora,che la Menica 

Tonuijfe,harro,ben luocodoue fingerla 

Di nuouo.da tener non hai di Fatto, 

Che mai tornar a cafa non èfolito, 

Finche le ventiquattro hore non fonino, 
COR.Hor fu nppon quel fyiedo& vien,che Uilario 

Li vent: cinque fiorini t'armouere* 
SCE, ^ VI* 
Corkolo * Solo* 

COEMtoi fuccede l'imprefa,harra l'ejfrcito 

De le bugie àoppo tanti pericoli, 

Dappoi tanti trattagli affiti vittoria, 

Malgrado di fortuna, che d fendere 

Tolt'hauea contra me il borfd d'Hilario, 

Ma dou* 'entra celai ,vien,vien Verifico, 

Viene fa forconi prejh fcccorrea* 

sce/ vil 

"Pacifico, & Corbolo 
PAC, Eccomi,ecco>mqui.COR. Coni Pacifico 

Prouedi che colui non veda Flauio. 
PAC Chi cohthCO^Com 7 hanomeqnefìogiouane 
VojT rocche tarìi,ua dentro ,è cognofedo, 
Mengh;no,il dìrro pttr,J?ACMergh;no Diai(ok% 

D iij 



ATTO 

COR>Menghino,fi Menghin,ve diligeniia 

Di Bejlia,ma più bejlia io y che rimmettemì 
Vogli a coftui,ch'è tardo piu y ch'un trefolo, 
Et ecco,che ritorna ancho la MeniCd, 
Va tante parti fi lefòr^e ere (cere 
Veggio a nemiciycbe mi cajcha l'animo 
Di poter a tant'impetto refijlere* 
SCE* VIIL 
Menica Sola* 

ME* A la croce de Dio mai piufiruitio 

Non fi a la Lena,m'ha di la dagl'Angeli 
Mandata più di me^To miglio è andatene 
Son quajifimfre correndo,per ejfere 
Tornata tofio.^r horfijìanca y ^r debole 
Mifento,che mi pojfo a penapuouere, 
* "L'andata non m'haurei hauuta a rincrescere 
Quand'haueJJì. trouata quella fimina, 
Ch'io cercauofinn'ita } Come ilpouero 
Che va accattandoper Dio l'elìmofina 
De \fcio t inyfciofimpre addimmandandone $ 
Né» maifciaput'ho ritrouar inditio 
D'alchuna Dorothea,ch'infegna a legere, 
Ne in tutto Hirafil,negli prefs'habita 
Ver quanto ho intefo y chi Vafquinft nomini, 
Veggio mifcia,che mio Vadron trouatami 
Ua y che qui vien con Hilario,& è in colera 
Nonfcio perche è dipoi y che demandatane 
GPho detto dond'io vengo,*? che mandatami 
ììauea la Lena ,m'hd fatto vngtandijfimo 
Rumor, & minacciata d'un buon carico 



Q.VINTO 
t)i huffe,fc mai più lefoftruitio, 
lo l'obediro ben,s'io poffo mettermi 
A federala non credo, che mi faccino 
Se non fent' altro xhe parole y muouer e* 
SC E, IX. 
Hilano, eir 'Patio* 
HIL. Son ito à ritrouar ¥atio penandomi 

fuffe buon mei^To et por d'accordo flauio 
Et à pacificarlo con Pacifico, 
Nonfipend'iojh. 3 tanto in queflafimina 
Sia innamoratole n'èguafìo.&fr acido 
Hor ioflo ch'io gl'ho detta,che Pacifico 
L'ha trouata injtcreto,co'l mio tlamo 
E,fdno in tant'ira } in tanta rabbia 
Vergelofia,ch' affai m'e più difficile 
A placar lui,che'l marito.ma eccolo, 
Studiate vnpoc'il pajfo fi,che giongare 
Vojfiamo prima,che fegua altro fcandob 
fratel.fe mai da woiffero hauer gratta* 

f A* Non poj]<>,ne poffendo mai vo Bilario 
Vatir,che doppo tanti benefìtiì, 
Ch'ha riceuuti,^r era per riceuere 
Da me quefta gaglioffa xoft m'habbia 
Tradito } perbo fon per vendicarmene* 

HIL* S'ella u'hafatt'iniuria.yendicatiue, 
Non vi prego per lui, ma fol che Vlauìo 
M : ;o,non lafciate offender da Pacifico 
In cafa yofìraJtAXte vnfanciul volubili 
Hafcu'elettion,che potrebb'effere 
Snofigliuolefierar non ne può merito, 



ATTO 

Se non } cbefe ne vanti,?? le dia infamia* 
HIL, "Non credea mio figliuolo già d'offenderti, 

Che [e credut'hauejfe egli effer pratica 

Voflra cofìei,fcio.che u'haria grandifimo 

Rifletto hauuto.com'ha riuerentia. 
FA* Quefl' è la caufa,che m'era da quindecì 

Giorni in qua ritornata fi falttatica. 
HIL* Rifondetemi vn pocofin^a collera. 
SC E* X. 

Menghino, Hilario, "Pacifico, lena, Ftffo* 
MENJo l'ho veduto } nonvarra nasconderlo* 
HIL* Ha } che noi fian troppo tardati cri dano 

La in cafa voflra,deh Eatio aitatime* 
MENXo voglio ire a trottar, & farli intendere 

Le bell'opere voftre,VACMenghino odime* 
MEN.Par tropp'ho vdito & veduto.!? AC. Non ejfere* 
FA* Che cofi è quefia^ACyTtt Cagion d'accendere 

Tanto jiocoMEN.Vo dirlo.fi ben perdere 

Ne douejji la tefta+¥AT*Deb firmarne, 

Stiamo vn poco qui a v dir, di che contendono* 
PAC termati qui Menghin firmati, afioltemù 
MEN.LaJciami andar Vacifico,non credere, 

Che per te rcfti de no'l dir.LE.Che Dianolo 

Poi tu dir in cent'anni,che lafijlola 

Ti vengha& /n'hai Veduto tu brutt'Afwo* 
MEN^Ho veduto Licinia, & quello giouane 

ftgliuol d'HilarioMlL+LeM&non Licinia 

Voh'egli dir-eMEN.Che Sbracciati ftauano 
LE* Tu menti per lagolaMEN.Hor ecco fatio, 

Vadron ve diro ìlver,non vi vogl'ejftre 






Q_ V I N T Ó* 

Iraàitor^cflra figliuola.? A.O Ja beflid • 
T'ho ben vduo,che voifrrlo intendere 
Aytutto quejlo vicinato, Hilar io 
ìsonfarra mai pe r Dio vero,ch'io tolleri, 
Che' l figlimi voflro vn forno fi notabile 
Mi fiacca^ a mìo poter no me ne vendiche, 
Che fnuole,che ciauie fatte credere 
M'hauete de la Lena,gr di "Pacifico* 

HIL + Cofi l'haueuo vdito anch'io da Corbolo* 

FA* Ma quefìa non è iniuria da zaffarmene 
Si leggiermente, e, di tropp' 'importanti^*. 

HIU Ver voflra fide fattoti A* Deh Uilario 
Mi marauegho ben di voi,/ 5 'ingiuria 
Vi pardifirte.ch'to debba fi facile* 
Mente patir, fé voi fitte più nobile, 
Lt più ricino di me,non perho d'animo 
Vi fon' mjìrior, prima, che flauto 
M'efca di cafa,per lui darò effempio, 
Che non fi dennogli miei pari offendere* 

HIL* Pe'lfilial amor, del qual notiti* 

Bauete voi compio, vi prego,®* f.'pplko 
Che di me habbiate pietade,& di flauto* 

FA* E l'amor filial a punto m'efeita 

A vendicar. HlL.Ver Vantich'amicitia 

HofiratiAsSarebb'anchor a voi difficile 

Il perdonar offendo ne mìei termini, 

Fo del mio honor più conto, per donatime 

li vo dir, che de la voflra amicitia, 

Et quant'ho al mondo vo più tojlo perdere, 

Che quello ? &fin^a_qHello io non vo vmere t • 



• . 



ATTO 

HIL* Se modo vi fan a di non lo perdere, 

FA* Con voi a vn tratto mi yoglio rifoluere, 
Qitando voflro figlimi jpofe Licinia 
Mia,& che Vhonor perdutogli recuperi, 
Sarem' am\cì,altrimeniu\ì\L5ermat\ue, 
Credo ,che cinquantanni hoggi maipaffn& r 
Che voi mi cognofcete,& che de'l viuere 
M/o habbiate quant'alchun' altro notitia, 
Etfefimpre le Co/è honefle,%r lecite 
Mi fan pidcciutefapete benijfimo, 
Et fé flato vifonfempre beneuolo, 
Etfempre pronto dfarui honorem vtile, 
Sapet'anchor,che qualche efyerientia 
Ve n'ha chiarito,oh non penjate,ch'ejfere 
f?offa,o voglia diuerfo da'l miofclito, 
Lafciatemi parlar con Ilauio} intendere 
La cofa a ponto ,e fiate di buon animo, 
Ch'io farro tutto quel,che conueneuole 
Mi fa per emendami quefta iniuria 

FA* Entriamo in cafa+Hl Lontrate cb'iv vifeguito* 
SCE* XL 
Pacifico, <& Lena* 

PAC* Hor vedi Lena,a,juel,che le trifiitie, 
Et le puttanerie tue ci conducono, 

LE. Chi m'ha fatta puttana, P AG Cofi chiedere 
Votrefli à queixhe tutt'il di s'impichano, 
Chi gli fa ladri, imputane la propria 
"Tua volunta+LE+An^i la tua infatiabile 
Colaccia,che ridotti c'i ha in miferia, 
Chef non fajfe fiacche per pafcerti 



Q. V I N f Ó* 
Mi fon di cento gaglioffi fatt'afmd 
Sarrejli morto difame,hor per merito 
Ve'l bene, ch'io t'ho foto me rimproueri 
Voltròn,ch'io fia puttanai ACTe rimbrotterò, 
Che lo dourefiifar con p'u modeflia* 
£E» Al) beccacelo tu parli di modeflia 

S'io haueffi a tutti quelli ,che propojlomi 
Ogni d'hai tu,vohito dar ricapito, 
lo non [do meretrice in mez7o il gambaro, 
Chejùjji à queflo di di me più publica, 
Nf quefl'ufao denanij per riceuerli 
7 uni baflar pareati& confi^lw.uemì, 
Che quel di aneto anchorponifs'in opera 
PAC* Ver viuer teco in pzce,proponeuoti 

duel,ch'iofciape:<o,che t'era grandi ffi.ma* 
Mente in piacer ,& che vietar volendoti 
Saria flato il durar teco imponibile. 
LE* Voh che ti veng'il morbo.V AC Jo l'ho continui* 
Mente tecoJbajUr Lena dourebbeti, 
Che de la tua perfida z beneplacito 
Tuo facci jtmpre,& ch'io lo vegga,?? tolleri, 
Sen^a volerci ancherpor in infamia 
Ve ruffianar leggimele degl'huomeni 
Va ben.LESiehauejji àfiar tutta viagiouane 
Il mantener ambi dna co'l medesimo 
M ~>do vfto fin qu:,mi (cria ageuole, 
Ma come le frrmiche fi proueggono 
Ve'l verno ,cofi è iuflo,che le pouere 
Var mie per la vecchie^yafi proueggano, 
Ef che mentre u'han aggio un'arte imparino, 



ATTO p 

Che quando fia il bifogno poi nouhabhinv 

Ad imparar ma ve fian dotte,*? pratiche, ; 

Et che arte pof s'io far ,che più proficua 

Cifia il quefla,& chi mijìa piufrxile 

Ad imparar, che voi ,ch'induggi a l'ultimo, 

Qiiand' io farro r.e'l h fogno ad apprenderla* 

VA* Se contr'à ogrt altri haueffi quefii termini 
Vfati mi far ria più tollerabile, 
Che centra Eatio,ahjualhabbiam troppo,obìiPC± 

LE. Ve h manegoldo ti vengha lafiftola, 
Come,tu non fa fiato confapeuole 
Ve 9 ! tutto,hor ch'eH djfcgtio ha cattiu\fit& 9 
Me fila del commun peccato b.afimi, 
Ma fé, i, contanti compariti jùfòno 
Laparte,& più de la parte voluttane 
Harrefli ttruPACNoa p:u,che efcela Menico 
SC E. XII. 

, Menica, V Lena. 

ME* Lene fi fu co fi, ti par, che mefite 
fatio da te,cheghfocq un'wiuria 
Vi quejlafcrte.LE>E,che iniuna Diauolo 
Gl'kofntt'ioMz.Kulla.LE^uU'apm'à^firatn, 
Che fi d me,non è cufi notabile 
Iniuria al mondo } che da me non mente, 
TugPhaifoperto Lena il tuo mal animo, 
Nf perho fitto noccumenfar.-^ utile, 
Chejti fiata caggion,che maritata la 
¥igliuol ha in cofi ricco,è nobilgiouane, 
Quant'eglijlejfo harriafeiaputo elegerfi, 

LE* CU la darra pur per moglierME.Gia datagli 



ME* 



Q_ V I N T O 

Vhafifonn' accortati egli,& Hilario 

In due pmle.LV>Anchor,che quefto mifiro 

Vecchio mi fia piuxhe lefrpi in odio, 

Tur ho giacer d'ogni ben di Licinia* 

Se tu perfiueraffi m quefìa collera, 

Sarrefìi Lena la più ingrata fi mina 

Ve'l mondo. eph con tutto, che iujìiffima 

Caggion harr a di far tutto il contrario, 

"Pur non può flarxhe non t'ami ,è nafcor.hr e 

Non pò la paffionxhe dentr'il cruccia, 

Vi non fentirfi de le diftiaceuoli 

Par ole. ch'ho *gi hebbe teco,che iudica 

Che t'habbiaU ini' et fargli quefìa inuria, 

Lt m'ha detto ,che quando ydi da Uilario, 

Che tuo marito Maura con quelg:oua>e 

Irouatafii per affanno ,à pencolo 

Vi cader morto ,<&- che poi ritrouandoff , 

Com'era a ponto // ver,che carnevala 

Hauea cofiui no a te, ma a Licinia, 

Tutto refto ricon flato £r parueli 

Rifafatar.hor vedi, fé c'è dubbio, 

Che teco preflo non fi nconcilij, 

M<ifymament:,che gì: torna in vtile 

Qtieft'error tuo.Lk tacci' egli pure,<& figli* 

Come gli par. fé fina il medefimo 

Verfo me,ch'egl. b.ol,me la medefwia 

Verfcfe trouara,che fuolME.Hor voghoti 

Vir Lena il yer,n te mi manda ¥atio, 

llqual è tuo,come fufmpre,& pregati, 

Che tu aiKhorfuafunilmente vogl'eflere, 



ATTO 
R quefidfird imita te t & Vacifico, 
A no^e,e } intende,che nonfol Ucinid, 
Et fidino qttejìd notte fpo fi fidno, 
LE* Io fon ferfer Ritintogli piace ,Ror diteci; 
Voi Spettaton.fi grata,®- piacevole,. 
Ofi nowfi è fiata quefìa fabula. 

FINIS, 



InVinegk Pericolo d'Ari* 
fiatile detto Zoppino* 
M D XXXVIL 



\